Addio a Maria Rosaria Omaggio

Maria Rosaria Omaggio, attrice di cinema e teatro, è scomparsa a 67 anni. Nata a Roma, ma di origini napoletane,...

Maria Rosaria Omaggio
Maria Rosaria Omaggio - Foto M. Riccardi © AGR

Maria Rosaria Omaggio, attrice di cinema e teatro, è scomparsa a 67 anni. Nata a Roma, ma di origini napoletane, Omaggio ha lasciato un segno indelebile nel mondo dello spettacolo italiano con una carriera che spazia tra teatro, cinema e televisione. Eclettica e versatile, è diventata popolare fin da adolescente partecipando a Canzonissima del 1973-1974 condotta da Pippo Baudo.

Il suo debutto sul grande schermo avviene nel 1976 con “Roma a mano armata” e “Squadra antiscippo” al fianco di Maurizio Merli e Tomas Milian. Tra i suoi ruoli cinematografici più memorabili, c’è quello di Oriana Fallaci nel film “Walesa – Uomo della speranza” di Andrzej Wajda, che le valse una Menzione Speciale alla Mostra del Cinema di Venezia. Omaggio ricordava con affetto la sua esperienza con Wajda, sottolineando come Oriana Fallaci avesse visto in lei una somiglianza straordinaria. Tra i suoi lavori cinematografici di rilievo c’è anche il ruolo in “To Rome with Love” di Woody Allen, dove la sua performance è stata apprezzata sia dal pubblico che dalla critica.

Oltre alla carriera cinematografica, Maria Rosaria Omaggio ha avuto una presenza significativa in televisione, partecipando a diverse fiction di successo. Tra queste, spiccano “Edera”, dove interpretava una madre spietata, e “Don Matteo 5”. La sua passione per il teatro l’ha portata a eccellere in numerose produzioni, da “La schiava d’oriente” di Carlo Goldoni a “La santa sulla scopa” di Luigi Magni, fino a vestire i panni di Eleonora Duse in “Sensi dannunziani”.

Parallelamente alla carriera di attrice, Omaggio è stata anche una scrittrice, goodwill ambassador per l’infanzia delle Nazioni Unite e istruttrice di taiji quan, un’arte marziale cinese. Nonostante la sua carriera luminosa, la sua vita privata è stata segnata da una nube di tristezza. Ha vissuto un matrimonio e avuto tre compagni importanti, tra cui Pasquale Festa Campanile, ma non è mai riuscita a realizzare il desiderio di diventare madre. Ha dichiarato: «Ho fatto di tutto per rimanere incinta, i miei uomini hanno avuto figli da altre ma io non sono mai riuscita ad averne». Orgogliosamente single, ha sempre affermato la sua indipendenza: «A un uomo piace molto che la sua donna sia dipendente. E io non lo sono».

Maria Rosaria Omaggio è stata anche protagonista di diverse copertine di riviste, tra cui tre edizioni italiane di Playboy (1976, 1980 e 1982) e una di Playmen (1985). Ricordava con orgoglio quelle esperienze: «Erano foto artistiche. Posavo per Playboy nello studio del grande Angelo Frontoni e sapevo già che sarei entrata nell’immaginario collettivo. Capirà, tre edizioni da mezzo milione di copie ciascuna».

, , , , , , , , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home