“Affetti in affitto”, la psiche umana raccontata da Massimo Lanzaro 

La psiche umana, per alcuni, rimane ancora oggi un profondo mistero. Il testo di Massimo Lanzaro si pone come obiettivo quello di...

La psiche umana, per alcuni, rimane ancora oggi un profondo mistero. Il testo di Massimo Lanzaro si pone come obiettivo quello di spiegare, attraverso una serie di racconti e aneddoti, la funzionalità della psiche umana, attraverso un viaggio che tiene conto dei limiti, delle patologie, degli stimoli ambientali e di molto altro. 

Lanzaro, attraverso le sue molteplici passioni, ha realizzato un testo che, grazie alla sua multidisciplinarietà, è in grado di prendere ad esame diversi aspetti psicologici, in un viaggio che mette al centro il lettore/lettrice, prossimo/prossima allo svelamento di se stesso/se stessa.

Racconti, aneddoti, riflessioni, questi gli argomenti che riempiono in maniera eccelsa il testo di Massimo Lanzaro. Esso si rivolge ad un pubblico vasto, permettendo al testo non solo di indirizzarsi agli esperti del settore, ma anche a chi abbia la volontà di comprendere cosa si nasconde nella psiche umana. Un testo, quindi, che non solo abbraccia le nuove tecniche, ma tiene conto anche delle neuroscienze.

Di grande respiro “popolare”, grazie ai numerosi aneddoti di vita quotidiana, in grado di raccontare il lato psicologico con parole semplici. È il caso del contadino e di suo figlio, la storia che prende in esame una serie di vicende, che portano ad una riflessione arguta sul bene e sul male delle cose che accadono.

Partendo da riflessioni considerevoli sulla guerra e sulle cicatrici invisibili che essa lascia addosso, l’autore arriva a parlare dei cosiddetti “Bias irrazionali”.

Di qui l’espediente “crescita personale” prende il via, attraverso una serie di punti che mette il lettore/lettrice faccia a faccia con la realtà interiore. Sono undici le convinzioni che Lanzaro riconosce e che in qualche maniera condizionano la vita di ognuno. L’essere umano vuole esser amato, aver successo, non fallire mai e molto altro. Una serie di idee che si trasformano prima in uno stato di insoddisfazione e poi sovente in patologie psicologiche. È il lettore/lettrice ad essere messo/messa al centro nel testo di Lanzaro, attraverso un accrescimento personale che lo/la avvicina alla propria psiche.

Di grande spessore la fotografia sociale che l’autore scatta nel suo testo: secondo “la liquidità di Bauman” l’uomo cerca relazioni transitorie e superficiali, perché la stabilità nella società contemporanea si configura come una sorta di gabbia. Non mancheranno discorsi sull’amore “tossico”, sui nativi digitali, e diverse argomentazioni che rendono il testo di Lanzaro piuttosto contemporaneo.

Un libro, quindi, in grado di insegnare partendo da costrutti teorici, fino ad arrivare agli aspetti pratici della vita, che rendono visibile il lato oscuro della psiche umana.

Affetti in affitto di Massimo Lanzaro – genere: psicologia/manuale; pp. 148 –  è disponibile da settembre 2023

, ,
Alessandro Poggiani

Alessandro Poggiani

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da vent'anni circa, ha lavorato come battitore per libri, saggi e articoli, e come segretario di produzione per un docufilm su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore, con la Dino Audino editore e con AGR. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e fotografo in occasione di incontri, dibattiti, presentazioni di libri, fiere librarie e vernissages.

Dalla Home