Al via al Teatro Lo Spazio Mindie – Independent Minds Fest 2023

Ritorna a Roma al Teatro Lo Spazio – via Locri, 43 – da mercoledì 26 aprile a domenica 14 maggio...

Ritorna a Roma al Teatro Lo Spazio – via Locri, 43 – da mercoledì 26 aprile a domenica 14 maggio 2023, la nuova edizione del “Mindie – Independent Minds Fest 2023”, rassegna di Musical Off a cura di Andrea Palotto e del direttore artistico del Teatro Lo Spazio Manuel Paruccini.

L’idea nasce e prende forma nel 2018 attraverso la realizzazione del primo “Mindie – Independent Musical Fest”, una rassegna che ha l’obiettivo di dare spazio e voce al lavoro di natura indipendente interessata ad ospitare una selezione di spettacoli di teatro a carattere musicale (musical e affini) indipendenti; quel tipo di show che nel mercato anglosassone viene definito “OFF”, e che rappresenta per lo stesso un tesoro di natura inestimabile, talvolta incubatore di progetti destinati al grande salto nel circuito più commerciale, talaltra un modo di presentare idee innovative svincolate da logiche commerciali, che sovente ne viziano messaggi e contenuti.

Sei appuntamenti inediti, in cui la musica abita il teatro e si fa teatro.

Si partirà mercoledì 26 aprile con Si chiamava Faber con il cantautore Federico Sirianni.

Viaggio molto personale nel mondo di Fabrizio De André (1940-1999). Un recital di narrazione e canzoni: Fabrizio De André, un mito troppo grande per poterlo raccontare in maniera consueta o, addirittura, banale. Federico Sirianni, pluripremiato cantautore genovese, racconterà aneddoti inediti, avendo avuto l’opportunità di conoscere De André e di incontrarlo alcune volte nel proprio cammino di vita, esperienziale e musicale. A fare da set principali ai racconti e alle canzoni, una Genova leggendaria e una Genova calpestata e sofferta sulla propria pelle.  Sì, perché ovviamente, non possono mancare le canzoni, non necessariamente le più famose, ma quelle che riescono forse a esprimere, oltre che l’indiscusso talento, anche la gigantesca umanità di cui era pervaso questo artista unico e irraggiungibile.

Da venerdì 28 a domenica 30 aprile sarà la volta di Se io fossi un angelo di Elisabetta Tulli, con Andrea Perrozzi: la storia di Domenico Sputo, nome usato come pseudonimo da Lucio Dalla in varie occasioni. Nella storia Domenico è un geometra, musicista e molto altro ancora: un uomo buffo, timido e dalla grande umanità, che aspetta in casa l’arrivo di un gruppo di amici per trascorrere una serata insieme. L’attesa è inspiegabilmente lunga e si trasforma in un pretesto per raccontarsi: affacciato alla finestra osserva, ricorda e giudica passanti e vicini di casa, mentre in sottofondo le più belle canzoni di Lucio Dalla, suonate e cantate al pianoforte da Andrea Perrozzi, colorano la storia (Se io fossi un angelo, Anna e Marco, Attenti al lupo, Felicità, 4 marzo 1943, Piazza Grande…) Atto unico brillante, nato dalla penna di Elisabetta Tulli, inserisce Andrea Perrozzi nella cornice più giusta per le sue corde istrioniche e musicali. Un attore, un pianoforte e le canzoni eterne di L. Dalla.

 

Gli altri appuntamenti

mercoledì 3 maggio, Decanter;

da venerdì 5 a domenica 7 maggio, Due segreti, con Alessio Ingravalle e Gea Andreotti, accompagnati dal maestro Emiliano Begni ed i brani musicali di Giovanni Truppi;

mercoledì 10 maggio, Il Cantautore, il Chitarrista, eccetera, con Carlo Valente e Francesco Sbraccia;

da venerdì 12 a domenica 14 maggio, Processo a Pinocchio, regia di Cristian Ruiz

 

Orario: mercoledì, venerdì e sabato, ore 21.00; domenica, ore 18.00.

, , , , ,
Alessandro Poggiani

Alessandro Poggiani

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da vent'anni circa, ha lavorato come battitore per libri, saggi e articoli, e come segretario di produzione per un docufilm su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore, con la Dino Audino editore e con AGR. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e fotografo in occasione di incontri, dibattiti, presentazioni di libri, fiere librarie e vernissages.

Dalla Home