Arturo Mariani presenta “ProAbilità” nella Biblioteca di Sacrofano “Al Tempo Ritrovato”

È stato presentato domenica 5 maggio 2024 – Giornata Europea per il Diritto alla Vita Indipendente per Persone con Disabilità – presso la Biblioteca Comunale di Sacrofano (RM) “Al Tempo Ritrovato” il...

Arturo Mariani con, da sinistra, Susanna Gulinucci, Madia Mauro e Roberta Ammendola
Arturo Mariani con, da sinistra, Susanna Gulinucci, Madia Mauro e Roberta Ammendola

È stato presentato domenica 5 maggio 2024  Giornata Europea per il Diritto alla Vita Indipendente per Persone con Disabilità – presso la Biblioteca Comunale di Sacrofano (RM) “Al Tempo Ritrovato” il libro di Arturo Mariani ProAbilità. Una nuova parola per superare le barriere e trasformare le diversità in risorsePrefazione di Antonio Guidi.

Con l’autore sono intervenute la giornalista ed esperta di comunicazione Madia Mauro e la giornalista Rai Roberta Ammendola, le quali, oltre a leggere alcuni brani del libro e a dialogare con l’autore, con grande professionalità e altrettanta partecipazione, hanno condotto, nel corso della presentazione, un costruttivo dibattito con il pubblico da cui sono affiorati ulteriori stimoli, spunti di riflessione, domande, approfondimenti e curiosità.

«È bastato cambiare un piccolo prefisso: da “dis” a “pro”-abile per fare tutta la differenza del mondo» (Arturo Mariani, ProAbilitàUna nuova parola per superare le barriere e trasformare le diversità in risorse, 2023)

«Questo non è un libro di nicchia, né un libro rivolto alle persone che si occupano di disabilità nel lavoro o nella vita. ProAbilità è rivolto a tutti, e la mia speranza è che le parole che contiene possano spalancare lo sguardo verso un orizzonte nuovo; in modo che un domani, più che alle mancanze, si possa davvero guardare alle potenzialità di ciascun individuo» (Arturo Mariani, cit.,)

«Già dalle prime righe del testo di Mariani ci troviamo nella condizione inedita di veder messe in discussione, anzi addirittura rivoluzionate, molte ataviche convinzioni umane. L’autore frulla e cestina tutti i pregiudizi e le false credenze che riducono allo spessore di un foglio di carta velina le persone con disabilità e le loro personalità. A partire dalla Creazione – il momento zero dell’umanità – le parole conservano, attraverso tutte le epoche e tutti i mondi, una capacità generatrice. Èinsita, nella parola, la creatività, la costruzione in potenza di realtà (al plurale), il peso della verità che si struttura attraverso un significante pregno di significati. Le parole enunciano la realtà: la indicano e ne tratteggiano i tratti, per deformarli o opacizzarli. La lingua è anarchica, perché anarchici sono i suoi parlanti. […] Movimenti oscillatori di pensiero, né forzati né imposti, ma proposti, che, dalla realtà alle parole e dalle parole alla realtà, pongono sul tavolo i pezzi di un nuovo sistema di pensiero. È nel movimento che nascono nuove parole e nuove realtà. […] Ha ragione l’autore quando dice che le parole sempre declinate al negativo riferite a persone con disabilità hanno inciso funestamente nel determinare un teorema della realtà gravido di pregiudizi. Sottolineature sanitarieggianti, appellativi mostrificanti o pietistici portano a una asfittica spersonalizzazione e annullano il diritto all’autodeterminazione. Arturo Mariani e la sua storia offrono uno splendido esempio di propositività e tenacia, le quali passano necessariamente dall’attraversamento di Sé per avere poi la solidità di mostrarsi al cospetto degli altri. Mariani è un atleta che, nel valorizzare la sua gamba attiva, piuttosto che rimpiangere la gamba mancante, ha creato, metro dopo metro di campo, una narrazione nuova di sé stesso in cui anche altre persone possono leggersi dentro. È più affascinante un saltello che una caduta. Questo testo troverà sicuramente terreno fertile nelle scuole e nei luoghi di approssimazione della cultura, in cui ai piagnistei si contrappongono progettualità. È lì che l’insegnamento ultimo dell’autore attecchirà: la bellezza, non di farcela, ma di essere felici e soddisfatti per quello che si è. Se il destino è nelle nostre mani, allora è nelle mani di chi sa maneggiare con serenità e anche gioia le proprie mancanze per trasformarle in ricchezze. La nostra storia è completamente nostra: a noi il diritto di scegliere le parole per raccontarla» (Antonio Guidi, Prefazione a Arturo Mariani, ProAbilità. Una nuova parola per superare le barriere e trasformare le diversità in risorse, 2023).

Sport, inclusività, esperienze di vita, apertura al prossimo, forza di volontà. In una parola, “ProAbilità”. Un libro che esorta il lettore/lettrice a andare «sempre oltre i limiti».

Arturo Mariani (Roma, 1993), è scrittore e autore di sette libri – fra cui ricordiamo Nato così. Diario di un giovane calciatore senza una gamba(Croce Libreria, 2015), con Prefazione di Luigi Saitta, Vita Nova. Il momento che ha cambiato tredici personaggi (Albatros, 2017), con Prefazione di Maurizio Costanzo, Sei il problema e la soluzione di te stesso (2019), con Prefazione di M. Costanzo, Il goal più bello. Manuale di Fair play (2019), con Prefazione di Simone Perrotta, Col piede giusto. Come diventare padrone di te stesso e trasformare ogni limite in possibilità (Bruno Editore, 2020) -, fondatore e capitano della ASD Roma Calcio Amputati e dell’Academy ProAbile. Ha giocato un mondiale e un Europeo con la Nazionale Italiana Calcio Amputati. Mental coach certificato e formatore, ha girato/gira l’Italia fra scuole, aziende, università, parrocchie, carceri e associazioni varie per trasmetter un messaggio di inclusione per aiutare le persone a scoprire il loro potenziale, l’essenza più profonda. Quotidianamente lavora sui social come “Ragazzo in gamba”, che è arrivato ed esser seguito da oltre cinquecentomila persone. Da oltre quindici anni A. Mariani mette a disposizione la propria esperienza per guidare persone ogni giorno a raggiungere i propri obiettivi. Dalla tv alla radio, passando per convegni, presentazioni e stadi, con la sua testimonianza Arturo ci ricorda che a poco a poco, un passo alla volta, ognuno di noi può arrivare a raggiungere i propri sogni ea trasformare le difficoltà in opportunità.

Antonio Guidi, senatore della Repubblica, è stata la prima persona con disabilità a ricoprire un incarico governativo, diventando ministro alla Famiglia e alla Solidarietà sociale nel primo governo Berlusconi. Neurologo, docente universitario, ha avuto una carriera camaleontica ma con un unico obiettivo, che lo ha condotto, dagli spazi personali a quelli politici, a lottare costantemente per i diritti delle persone con disabilità.

ProAbilità. Una nuova parola per superare le barriere e trasformare le diversità in risorse di Arturo Mariani, Prefazione di Antonio Guidi – pp. 116 euro 13,00 -, disponibile in libreria e online da luglio 2023, è stato presentato nella Biblioteca di Sacrofano “Al Tempo Ritrovato” domenica 5 maggio 2024

Alessandro Poggiani

Alessandro Poggiani

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da vent'anni circa, ha lavorato come battitore per libri, saggi e articoli, e come segretario di produzione per un docufilm su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore, con la Dino Audino editore e con AGR. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e fotografo in occasione di incontri, dibattiti, presentazioni di libri, fiere librarie e vernissages.

Dalla Home