Assemblea ABI: fiducia nella crescita economica italiana tra tassazione e solidità bancaria

L’economia italiana cresce “a ritmi moderati” e può contare “sull’irrobustimento delle imprese, la solida posizione finanziaria delle famiglie e la...

Assemblea ABI - Giancarlo Giorgetti
Foto Maurizio Riccardi © AGR

L’economia italiana cresce “a ritmi moderati” e può contare “sull’irrobustimento delle imprese, la solida posizione finanziaria delle famiglie e la forza delle banche”. Lo ha affermato il governatore della Banca d’Italia, Fabio Panetta, durante l’assemblea dell’Abi. Secondo Panetta, questi fattori permettono di guardare al futuro con fiducia, pur evitando un eccessivo ottimismo. “La solidità delle banche rappresenta oggi un elemento di forza del nostro sistema produttivo”, ha rimarcato il governatore.

Il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, ha sottolineato la necessità di ridurre la tassazione sul risparmio. Attualmente, i risparmiatori italiani subiscono “una pesante tassazione che spesso li orienta a investire all’estero”. Patuelli ha evidenziato che la tassazione sui risparmi investiti a medio e lungo termine raggiunge quasi il 60% del reddito lordo prodotto dalle banche, comprendendo Ires, addizionale del 3,5%, tasse locali, cedolare secca sui dividendi, Irap, Imu e imposta di bollo. Il risparmio investito in strumenti di liquidità delle banche è indispensabile per l’erogazione di prestiti.

Panetta ha inoltre riferito che nel primo trimestre del 2024 la crescita economica in Italia è stata dello 0,3%, con un’espansione dei servizi, soprattutto legati al turismo, e una persistente debolezza del settore manifatturiero. Le previsioni di Consensus Economics indicano una crescita complessiva dello 0,8% per il 2024. Panetta ha anche delineato un calo dell’inflazione, scesa al 2,5% in giugno, con una componente di fondo stabile al 2,9%. La Bce ha recentemente abbassato i tassi ufficiali di 25 punti base, riflettendo il calo progressivo dell’inflazione e prevedendo ulteriori diminuzioni nei prossimi mesi.

Il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha descritto un quadro macroeconomico positivo, evidenziando che la crescita dell’Italia negli ultimi tre anni è stata superiore a quella di altri Paesi dell’area euro. Giorgetti ha affermato che l’obiettivo di una crescita del Pil dell’1% per il 2024, stabilito dal Def, è raggiungibile e basato su criteri ragionevoli e di responsabilità. Ha inoltre dichiarato che non è necessaria una “manovra lacrime e sangue”, ma una seria politica di controllo della spesa pubblica per migliorare la posizione dell’Italia e ottenere il riconoscimento degli sforzi da parte dei risparmiatori italiani ed esteri, come dimostrato dalla sottoscrizione del Btp Valore.

Giorgetti ha anche auspicato che la dinamica di riduzione dei tassi registri presto un’accelerazione, graduale ma decisa. Ha osservato che un ulteriore restringimento della domanda potrebbe risultare insostenibile per l’economia italiana, che invece necessita di respirare e crescere. Ha concluso ribadendo che l’Italia deve uscire dalla condizione di “Paese sempre sotto esame” attraverso obiettivi raggiungibili con determinazione.

, , , , , , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home