Auditel 2024: analisi del mercato TV italiano e ruolo dei JIC nell’era digitale

L’evoluzione della televisione in Italia è stata al centro di una riflessione approfondita durante la presentazione della Relazione annuale Auditel...

Andrea Imperiali, auditel JCI

L’evoluzione della televisione in Italia è stata al centro di una riflessione approfondita durante la presentazione della Relazione annuale Auditel 2024 intitolata ’70 anni di TV, 40 anni di Auditel: il ruolo dei JIC nel nuovo scenario mediale’. Andrea Imperiali, presidente di Auditel, ha illustrato il quadro attuale del mercato televisivo italiano, caratterizzato da una vasta gamma di opzioni sia sui canali tradizionali che sulle piattaforme di streaming, con una crescente tendenza alla fruizione individuale e in mobilità. Imperiali ha evidenziato come il panorama televisivo italiano si sia adeguato prontamente alle nuove tecnologie, rimanendo un pilastro centrale della società e contribuendo alla sua modernizzazione.

Uno dei punti salienti della relazione è stato il ruolo cruciale dei Joint Industry Committee (JIC), organi di governance che riuniscono tutti gli attori del mercato televisivo e che, nonostante le preoccupazioni iniziali, hanno favorito l’espansione del mercato e la crescita dell’offerta di contenuti. Imperiali ha sottolineato l’importanza dei sistemi di misurazione degli indici di ascolto nella garanzia della trasparenza e dell’equità del mercato, nonché nella tutela del pluralismo e della qualità dell’informazione.

Tuttavia, la relazione ha anche evidenziato alcuni rischi legati alla concentrazione del mercato televisivo, soprattutto a livello globale, con pochi soggetti dominanti che potrebbero minacciare la libertà e il pluralismo dell’informazione. Imperiali ha sottolineato l’urgenza di un quadro regolatorio che garantisca trasparenza, equità e competitività, specialmente in un contesto in cui le tecnologie emergenti, come l’intelligenza artificiale, possono influenzare in modo significativo il mercato.

Durante la presentazione, sono intervenuti anche esponenti istituzionali come il presidente della Camera dei deputati, Lorenzo Fontana, che ha sottolineato l’importanza della relazione nell’analizzare le criticità del settore televisivo e individuare strategie per assicurare trasparenza e competitività. Anche la vicepresidente della Camera dei deputati, Anna Ascani, ha elogiato il ruolo pionieristico di Auditel nell’adozione di un modello di governance condiviso.

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alberto Barachini, ha evidenziato l’importanza di creare un campo di gioco equo e sicuro per tutti gli attori del mercato televisivo, soprattutto in un contesto in cui la distribuzione dei contenuti ha assunto un ruolo centrale. Infine, Federico Mollicone, presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei deputati, ha sottolineato l’importanza di trasformare le indicazioni della relazione in richieste formali al Parlamento per migliorare il mercato pubblicitario.

In conclusione, la Relazione annuale Auditel 2024 conferma l’importanza del lavoro svolto da Auditel nel monitorare l’evoluzione del mercato televisivo e nel promuovere un ambiente competitivo e trasparente. Agcom, l’autorità per le garanzie nelle comunicazioni, si impegna a collaborare con Auditel per garantire la tutela dei diritti e la sicurezza dell’ecosistema digitale italiano.

, , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home