Caporalato, Rota: ‘Superare la politica dei ghetti, che genera solo sfruttamento e illegalità’

‘Mai più ghetti in Italia, il Parlamento ed il prossimo Governo sostengano la nostra battaglia’. Questo l’appello rilasciato da Onofrio...

Foto Giovanni Currado © AGR
Onofrio Rota

‘Mai più ghetti in Italia, il Parlamento ed il prossimo Governo sostengano la nostra battaglia’. Questo l’appello rilasciato da Onofrio Rota, Segretario generale della Fai Cisl, durante il convegno “Un’altra agricoltura. Fermiamo lo sfruttamento, il caporalato e l’ingiustizia” organizzato da Fai Cisl e Cisl Brescia.

“La nostra petizione “Mai più ghetti” su change.org ha superato le 20mila firme. Impegneremo – ha dichiarato il Segretario Rota nel suo intervento al convegno organizzato a Brescia – i parlamentari della XIX legislatura appena iniziata e il prossimo Governo a sostenere la nostra battaglia di civiltà, per superare questi insediamenti e restituire dignità e qualità del lavoro agli oltre 300mila lavoratori irregolari in agricoltura”.

All’incontro, aperto dal Segretario Generale Cisl Brescia, Alberto Pluda, e dalla Segretaria Generale Fai Cisl Brescia, Rossella Gazzaretti, sono intervenuti anche Laura Cafalà, Professoressa ordinaria di Diritto del Lavoro all’Università di Verona; Vincenzo Perna, funzionario dell’Ispettorato del Lavoro di Brescia; Salvatore Giuffrida, responsabile della vigilanza INPS Lombardia; Fabrizio Ferarri, responsabile tecnici di prevenzione dell’ATS Brescia assieme a Massimo Faccio e Daniele Cavalleri, Segretario Generale Fai Cisl Lombardia. Ha concluso i lavori Andrea Cuccello, Segretario nazionale Cisl.

“Nella prevenzione e contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura, le parti sociali hanno un ruolo determinante – ha detto Rossella Gazzaretti, Segretaria generale Fai Cisl Brescia –. Nel settembre 2021 si è costituito l’Ebat, l’Ente bilaterale territoriale, che sarà uno strumento importante di tutela e servizio, per i quasi 17mila lavoratori impiegati in agricoltura in provincia di Brescia”.

Stando ai dati presentati dal settore vigilanza INPS a livello nazionale, la percentuale dei lavoratori in nero in agricoltura è pari al 38%, contro il 33% in edilizia, il 27% nell’industria e il 21% nel terziario, con 88 lavoratori “in nero” ogni 100 aziende.

La Lombardia si conferma la prima regione agricola d’Italia, producendo il 37% del latte, il 42% del riso ed il 40% dei prodotti suinicoli italiani. E’ prima anche per superficie dedicata all’agricoltura con il 69% del territorio occupato da attività agricole, per 50mila aziende attive.

I dati dell’Ispettorato del lavoro regionale evidenziano come in Lombardia nel 2021 siano state ispezionate 205 aziende, facendo registrare 96 lavoratori in nero, di cui 9 senza permesso di soggiorno, 38 lavoratori interessati da fenomeni di caporalato e 250 da azioni di appalto illecito.

“Dobbiamo pensare a nuove politiche migratorie, progetti per alloggi e trasporti, dobbiamo superare la politica dei ghetti, che genera solo sfruttamento e illegalità” – ha affermato Onofrio Rota –. “Il caporalato non rappresenta l’agricoltura italiana, lo sappiamo bene. Ma è un fenomeno che ci riguarda tutti, ed è urgente un’assunzione di responsabilità e azioni concrete. Terremo alta anche l’attenzione sull’eventuale reintroduzione dei vecchi voucher, su cui siamo nettamente contrari. Il lavoro accessorio – ha concluso – è ben normato, non rischiamo di ricadere in dinamiche distorte e pericolose”.

“Il caporalato in agricoltura colpisce maggiormente i lavoratori immigrati, ecco che il ruolo dell’intermediazione, ben interpretato dalla bilateralità, può fare la differenza. Comprendere le reali esigenze delle aziende e calibrare i decreti flussi all’andamento del mercato del lavoro, è un percorso da consolidare – ha sottolineato il Segretario nazionale Cisl, Andrea Cuccello –. Anche la parcellizzazione delle aziende non aiuta a contenere e debellare il fenomeno ed è un aspetto da considerare. La formazione residenziale, legata in particolare alle esigenze abitative dei lavoratori immigrati e stagionali, è lo strumento più forte che abbiamo per aumentare qualità, sicurezza e legalità nel mondo del lavoro”.

, , ,
Maria Antonietta Conso

Maria Antonietta Conso

Classe 1996, giornalista pubblicista esperta in comunicazione e marketing e appassionata di temi sindacali.

Dalla Home