Carta etica per lo Sport Femminile: Donne e Sport, binomio vincente ma serve parità

E’ partito nel week end da Cortina “Donne e Sport” l’incontro organizzato e voluto da Soroptimist International Italia da sempre...

Donne e Sport, Soroptimist International Italia

E’ partito nel week end da Cortina “Donne e Sport” l’incontro organizzato e voluto da Soroptimist International Italia da sempre al fianco dei diritti del mondo femminile stavolta in ambito sportivo. Con un parterre de roi dedicato all’universo sportivo declinato in rosa e non solo è partita da Cortina D’Ampezzo, perla delle Dolomiti e crocevia olimpico, la prima tappa di un viaggio soroptimista che attraverserà tutta Italia fino ad arrivare a Milano nel 2025 alla vigilia dell’appuntamento olimpionico del 2026 con la Milano Cortina.

“Attraverso i 163 club italiani e le oltre 5000 socie ci impegneremo a promuovere la sottoscrizione della “Carta etica per lo Sport Femminile” presso le Amministrazioni invitandole ad adottare e sviluppare politiche e azioni di valorizzazione della pratica sportiva”. Sono le parole della Presidente di Soroptimist International Italia Adriana Macchi che ha salutato gli intervenuti all’appuntamento cortinese entrando nel merito degli intenti: Azioni che accompagneremo con un profondo lavoro di sensibilizzazione e informazione sul fronte dei diritti, del divario salariale, all’accesso alle posizioni apicali, del linguaggio e dei media grazie alle collaborazioni che abbiamo avviato con Assist, 100 donne contro gli stereotipi per lo sport e Toponomastica femminile. Non mancheranno il sostegno alle attività sportive femminili, attenzione all’educazione sportiva e azioni di prevenzione della violenza di genere nello sport con il progetto “Sentinelle nelle professioni”.

La Presidente Adriana Macchi ha inaugurato il biennio di intenti di Donne e Sport con una tavola rotonda dove dai diritti allo sport si è parlato anche dell’impegno delle istituzioni nell’ambito sportivo femminile, in una giornata dove l’attenzione si è focalizzata anche sul ruolo dei media. Il Global Media Monitoring Project 2020, a livello globale, come ha sottolineato Monia Azzalini responsabile Media e Genere dell’Osservatorio di Pavia, indica che lo sport è il 5° argomento più frequente, ma la percentuale di notizie che riguardano le donne è irrisoria: solo il 4%, che precipita al 3% nel nostro paese.

Una lunga strada da fare dunque sul versante parità e sport ma un primo tassello è stato già messo a segno da questo interessante incontro cortinese. Il viaggio continua, prossima tappa targata Donne e Sport l’8 marzo 2024 con l’emissione da parte di Poste Italiane, su richiesta del Soroptimist di un francobollo commemorativo dedicato ad Alfonsina Strada. Il 2024 è infatti il Centenario della 12° edizione del Giro d’Italia partito da Milano nel 1924, in cui Alfonsina Strada, è stata la prima e unica donna nella storia del Giro ad avere gareggiato con i colleghi maschi.  

, , , , , , ,
Redazione Agrpress

Redazione Agrpress

Dalla Home