Cisl Lazio: un nuovo corso per la sanità, al centro persone e lavoro

La Cisl Lazio si pone come catalizzatore di cambiamento nel confronto con il Presidente della Regione Francesco Rocca, evidenziando la...

sanità lazio cisl

La Cisl Lazio si pone come catalizzatore di cambiamento nel confronto con il Presidente della Regione Francesco Rocca, evidenziando la necessità di un’inversione di rotta nella gestione sanitaria della regione. L’iniziativa, intitolata “La sanità del Lazio oltre l’emergenza… al centro persone ed il lavoro,” si terrà giovedì 14 marzo alle 9.30 a Roma.

Enrico Coppotelli, Segretario Generale Cisl Lazio, introdurrà l’evento, seguito dall’intervento del Presidente della Regione Francesco Rocca. Le conclusioni saranno affidate a Luigi Sbarra, Segretario Generale della Cisl. Parteciperanno anche figure di spicco come Giancarlo Cosentino (reggente Fp Cisl Lazio), Alessandro Ridolfi (direttore generale Regione Lazio), Lucilla Boschero (segretaria generale Cisl Medici Lazio), Maurizio Pigozzi (Aiop Lazio), Michele Bellomo (Aris Lazio). La giornalista Rai Tg1, Carlotta Angeloni, modererà il dibattito.

Coppotelli sottolinea l’opportunità di un cambio di prospettiva per la sanità laziale, mettendo al centro le persone e il lavoro. L’obiettivo è superare l’era dell’emergenza mediante investimenti mirati, aumento delle risorse e assunzioni necessarie. Solo attraverso il lavoro è possibile collocare le persone al centro, abbattendo la mobilità passiva, garantendo un potenziamento dei Pronto Soccorso e riducendo drasticamente i tempi per visite, esami e diagnosi.

La Cisl auspica un cambio di narrazione per la sanità laziale, focalizzando l’attenzione sui malati e le loro famiglie. Un anno fa, la visione della Cisl era quella di una “Regione delle opportunità,” un obiettivo ancora perseguibile puntando sul lavoro come motore di un sistema sanitario efficiente, finalmente sganciato dalla costante emergenza che lo ha caratterizzato.

, , , , , ,
Redazione Agrpress

Redazione Agrpress

Dalla Home