Colosso di Costantino: la rinascita di un’icona antica nel cuore di Roma

Nel cuore di Roma, una straordinaria opera di ricostruzione ha dato nuova vita al Colosso di Costantino, iconica statua del...

Il Colosso di Costantino
Foto M. Riccardi © AGR

Nel cuore di Roma, una straordinaria opera di ricostruzione ha dato nuova vita al Colosso di Costantino, iconica statua del IV secolo d.C. Originariamente alta 13 metri, la statua è stata ricomposta utilizzando tecniche innovative di restauro, a partire dai frammenti originali custoditi nei Musei Capitolini.

GUARDA LE FOTO

Questo imponente capolavoro della scultura romana tardo-antica, rinvenuto nel XV secolo presso la Basilica di Massenzio, sopravvive oggi solo attraverso alcuni frammenti marmorei monumentali. Testa, braccio destro, polso, mano destra, ginocchio destro, stinco destro, piede destro e sinistro sono i pochi elementi rimasti, custoditi nel cortile di Palazzo dei Conservatori ai Musei Capitolini.

Grazie alla collaborazione tra Sovrintendenza Capitolina, Fondazione Prada e Factum Foundation for Digital Technology in Preservation, con la supervisione scientifica di Claudio Parisi Presicce, il Colosso è stato ricreato in scala 1:1. La replica è ora esposta nel suggestivo Giardino di Villa Caffarelli, presentata al pubblico dal Sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri, dall’assessore alla Cultura Miguel Gotor, dal sovrintendente Claudio Parisi Presicce, da Salvatore Settis della Fondazione Prada e da Adam Lowe della Factum Foundation.

Questo progetto, sostenuto da Roma Capitale e realizzato in collaborazione con Fondazione Prada, è un’opera che unisce conservazione e innovazione. La riproduzione del Colosso è stata inizialmente esposta a Milano durante la mostra “Recycling Beauty” curata da Salvatore Settis e Anna Anguissola con Denise La Monica. Collocata nel Giardino di Villa Caffarelli, l’area in parte sovrapposta al Tempio di Giove Ottimo Massimo, evidenzia la connessione con il modello originario della statua. I resti del tempio, situati nell’Esedra di Marco Aurelio, offrono uno sfondo storico e suggestivo a questa straordinaria esibizione di arte e cultura.

, , , , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home