Corrado Cagli e “Il trionfo di Bacco e Ariadne” al Centre Italian Modern Art di New York

La città di New York, in occasione della Giornata Internazionale della Memoria, proporrà nel prestigioso Centre Italian Modern Art, l’interessante...

Il trionfo di Bacco e Ariadne

La città di New York, in occasione della Giornata Internazionale della Memoria, proporrà nel prestigioso Centre Italian Modern Art, l’interessante evento dove sarà possibile visitare la mostra “Transatlantic Bridges: Corrado Cagli, 1938-1948” e assistere al concerto “The Triumph of Bacchus and Ariadne”.

La partitura del concerto, sarà presentata nella sua interezza per la prima volta dalla prima rappresentazione avvenuta nel 1948 al New York City Ballet. Dopo il concerto seguirà una presentazione di Raffaele Bedarida, autore del volume “Corrado Cagli: Transatlantic Bridges 1938-1948”, CPL Editions 2023 e curatore della mostra.   

Questo evento è senza alcun dubbio una rara occasione per celebrare l’opera di un grande Maestro dell’Arte contemporanea Italiana: Corrado Cagli (1910-1976). Un artista di cui poco si legge sui manuali ma che è stato molto elogiato fra i suoi contemporanei per le sue opere e specialmente per il sodalizio esclusivo della sua arte con il teatro e la musica.

Definito dai suoi contemporanei una “scacchiera dell’intelligenza e della cultura” un “artista copernicano ed eclettico”, Cagli ha trovato nel teatro e nella musica un fortissimo legame che gli ha permesso di cimentarsi in differenti stili e tecniche artistiche. 

Di origini ebraiche, marchigiano di nascita, ma romano d’adozione, si forma a Roma a cavallo tra la fine degli anni venti e il decennio successivo. E’ fra gli artisti della “Scuola Romana” degli anni ’30, insieme a Capogrossi, Cavalli, Mafai, Trombadori, Guttuso.

Gli anni ’30 però portano anche alle “Leggi razziali” che lo costringono a lasciare l’Italia nel ’38, trovando rifugio prima a Parigi, poi nel nuovo crogiuolo artistico americano di New York. Ha così inizio la sua attività per il teatro americano, in occasione della nascita, nel luglio del ’46, del New York City Ballet dove lavora per Lincoln Krinstein.

La Ballet Society, in quegli anni instaura una forte intesa con artisti di talento presenti a New York. La politica della compagnia vuole coinvolgere gli artisti non più come semplici costumisti e scenografi tout-court, subalterni, ma come uomini dotati di fantasia e senso artistico a cui chiedere idee e partecipazione attiva.

Il balletto “The Triumph of Bacchus and Ariadne” viene portato in scena nel ’48 ed è un trionfo. E’ un’opera con notevoli riferimenti all’antico ed alla mitologia, in uno stile classicheggiante è tratto dai “Canti Carnascialeschi” di Lorenzo il Magnifico, precisamente dalla “Canzona di Bacco”. 

Il coreografo è Balachine, ma è grazie all’intervento di Cagli che la partitura è affidata al compositore italiano Vittorio Rieti. Con questo eccezionale evento, il Centre Italian Modern Art (CIMA), fondazione pubblica no profit, nata nel 2013 dalla storica dell’arte Laura Mattioli, riesce nell’intento di promuovere l’arte italiana presso un pubblico internazionale. Questo ampio spazio espositivo, situato  nello storico quartiere di SoHo,  attraverso mostre, eventi e borse di studio, colloca l’arte italiana moderna in più ampi contesti storici e culturali.

La mostra “Transatlantic Bridges: Corrado Cagli, 1938-1948”, presentata in occasione della Giornata internazionale della Memoria, rende perciò omaggio ad un artista che è stato anche silenzioso testimone degli orrori dell’olocausto con i suoi “Disegni di Guerra” fatti mentre era arruolato nell’esercito americano durante il conflitto.

Un’ ulteriore spunto di riflessione e di dialogo attraverso l’arte e la cultura, in un momento storico come quello che stiamo vivendo. Per ulteriori informazioni si può consultare il sito www.italianmodernart.org.

, , , , ,
Francesca Gianna

Francesca Gianna

Dalla Home