Cuba alla Biennale di Venezia con Wilfredo Prieto

Cuba sarà presentata alla LX Esposizione Internazionale della Biennale di Venezia da un fuoriclasse come Wilfredo Prieto, esponente della mostra...

Locandina Wifredo Prieto

Cuba sarà presentata alla LX Esposizione Internazionale della Biennale di Venezia da un fuoriclasse come Wilfredo Prieto, esponente della mostra d’arte concettuale, nominato da un funzionario del Ministero della Cultura del Paese caraibico.

Daneisy García, presidente del Consiglio Nazionale delle Arti Plastiche di Cuba (CNAP), ha detto a Prensa Latina che giovedì 18 aprile 2024 verrà inaugurata negli spazi del Teatro Fondamenta Nuove l’opera-installazione Curtain, con W. Prieto che parlerà di migrazioni, tema di questa Biennale; il motto è «Stranieri ovunque».

García è arrivato in Italia lo scorso 12 aprile per partecipare all’evento in qualità di curatore del Padiglione di Cuba, oltre al noto artista della nazione caraibica Nelson Rodriguez, direttore del Wilfredo Lam Art Center, che sarà il curatore della mostra.

Infine, il presidente del CNAP ha programmato a Roma un ampio programma, con il sostegno dell’ambasciatore cubano in Italia, e ha organizzato un programma di visite a luoghi di interesse, musei e gallerie, con l’obiettivo di mostrare e promuovere l’arte cubana.

Tutti sanno che se il campo della cultura è importante, perché la cultura ci unisce. «È un linguaggio universale che tutti comprendono e hanno sensibilità», ha detto.

In un momento di crisi per il mondo, è importante portare la cultura ad altre latitudini e dimostrare che la piccola isola, che è faro di resistenza in mezzo ai Caraibi, ha raggiunto ragguardevoli risultati nel campo della Cultura.

Questo è il quarto anniversario della Biennale Avana, che a Venezia ha un concept differente, e la sua XV edizione si svolgerà da venerdì 15 novembre 2024 a venerdì 28 febbraio 2025.

La Biennale di Venezia, la più antica e importante manifestazione internazionale d’Arte visiva, si svolgerà da sabato 20 aprile a domenica 24 novembre 2024.

Per la prima volta, in questa LX edizione, il curatore sarà un latinoamericano, il brasiliano Adriano Pedrosa, attuale direttore del Museo d’Arte di San Paolo.

Nell’ambito di questa mostra mondiale, W. Prieto, l’unico artista cubano ufficialmente invitato a partecipare, terrà una conferenza sul suo lavoro al Palazzo Cosulich a Venezia.

Nato nel 1978 nella provincia centrale di Sancti Spèritus, laureato dell’Istituto Superiore dì’Arte di Cuba (ISA), ha presentato la maggior parte delle sue opere nel suo Paese, nonché in Italia, Danimarca, Messico, Portogallo, Stati Uniti, Francia, Brasile, fra le altre nazioni.

Dopo l’operazione più importante degli ultimi tempi nel progetto “Viaggio Infinito”, nel comune di Zaza del Medio della sua provincia natale, un percorso in forma di lemniscata, circondato da progetti sociali, che secondo la critica può essere considerato una fra le più grandi sculture monumentali dell’America Latina.

«Ciò che W. Prieto porta a Venezia, con la sua mostra “Curtain“, è ciò che ha fatto con questo senso di dialogo concettuale con il pubblico», ha affermato il presidente del CNAP.

, , , , , ,
Alessandro Poggiani

Alessandro Poggiani

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da vent'anni circa, ha lavorato come battitore per libri, saggi e articoli, e come segretario di produzione per un docufilm su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore, con la Dino Audino editore e con AGR. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e fotografo in occasione di incontri, dibattiti, presentazioni di libri, fiere librarie e vernissages.

Dalla Home