Ezio Tarantelli: l’eredità di un economista visionario a 39 anni dalla sua scomparsa

A 39 anni dalla tragica morte di Ezio Tarantelli, economista di spicco nel panorama italiano, il suo ricordo rimane vivo...

andrea cuccello commemorazione ezio tarantelli
Andrea Cuccello alla commemorazione di Ezio Tarantelli - Foto Maurizio Riccardi © AGR

A 39 anni dalla tragica morte di Ezio Tarantelli, economista di spicco nel panorama italiano, il suo ricordo rimane vivo e attuale. Oggi, durante una cerimonia commemorativa presso l’Università “La Sapienza” di Roma, Andrea Cuccello, segretario confederale della Cisl, ha reso omaggio alla sua figura e al suo contributo alla società.

Tarantelli, noto per il suo ruolo nelle politiche economiche e nel sindacalismo, fu vittima di un assassinio perpetrato dalle Brigate Rosse il 27 marzo 1985. La sua scomparsa lasciò un vuoto nel mondo accademico e politico italiano.

La sua carriera straordinaria lo vide impegnato in prestigiose istituzioni accademiche e governative, con contributi significativi alla teoria economica e alle politiche del lavoro. Il suo impegno per la ricerca e la giustizia sociale lo resero una figura rispettata e ammirata.

Nonostante il suo prematuro addio, l’eredità di Tarantelli vive attraverso la Fondazione Tarantelli e il lavoro instancabile di suo figlio Luca, che ha dedicato tempo ed energie a preservare la memoria e il contributo di suo padre.

A 39 anni dalla sua morte, Ezio Tarantelli continua a ispirare e a promuovere la riflessione su questioni cruciali come l’economia e il sindacalismo. La sua visione lungimirante e il suo impegno civile rimangono un faro per le generazioni future, invitando alla ricerca della verità e della giustizia sociale.

, , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home