Ambiente

Gennaio 2024: Record caldo globale e impatti climatici

Gennaio 2024 è stato il gennaio più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media dell’aria superficiale di 13,14°C, superiore di 0,70°C alla media 1991-2020 per gennaio e di 0,12°C rispetto al gennaio più caldo precedente, nel 2020. Questo segna l’ottavo mese consecutivo che stabilisce il record per il rispettivo mese dell’anno.

Il riscaldamento globale è evidenziato dal fatto che la temperatura media globale degli ultimi dodici mesi è la più alta mai registrata, con un aumento di 0,64°C rispetto alla media 1991-2020 e di 1,52°C rispetto al periodo pre-industriale 1850-1900. I dati rivelano variazioni climatiche significative, con temperature europee al di sotto e al di sopra della media, la persistenza di El Niño, e il livello record delle temperature superficiali del mare.

Le conseguenze

Le conseguenze di questa anomalia termica sono significative e richiamano l’attenzione su diversi impatti climatici:

  1. Aumento dei Livelli del Mare: Il record di calore globale contribuisce allo scioglimento accelerato dei ghiacciai e dell’artico, portando a un aumento dei livelli del mare. Questo fenomeno minaccia le aree costiere e gli ecosistemi marini.
  2. Eventi Meteorologici Estremi: L’anomalia di temperatura ha il potenziale per intensificare eventi meteorologici estremi come uragani, alluvioni e ondate di calore, comportando rischi crescenti per la sicurezza delle persone e delle comunità.
  3. Impatti sull’Agricoltura e la Biodiversità: Le temperature fuori dalla norma influenzano la crescita delle colture e l’habitat naturale, con potenziali conseguenze negative per l’agricoltura e la biodiversità.
  4. Cambiamenti nei Modelli Climatici Regionali: Le variazioni termiche segnalate in Europa, Nord America, Africa e Asia indicano un rimescolamento dei modelli climatici regionali, con impatti sulla disponibilità delle risorse idriche e sull’agricoltura.
  5. Danni alla Salute Pubblica: Le ondate di calore prolungate possono minare la salute pubblica, aumentando il rischio di malattie legate al caldo e allo stress termico.

Questi dati sottolineano l’urgenza di adottare misure concrete per mitigare i cambiamenti climatici e adattarsi alle loro conseguenze. Il servizio Copernicus Climate Change Service continua a fornire analisi e informazioni cruciali per supportare decisioni informate e azioni mirate a contrastare l’impatto dei cambiamenti climatici sulla nostra società e sul nostro ambiente.

Il C3S

ll servizio Copernicus Climate Change Service (C3S), gestito dal Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Termine (ECMWF) a nome della Commissione Europea con finanziamento dell’UE, pubblica regolarmente bollettini climatici mensili che riportano i cambiamenti nelle temperature atmosferiche e marine globali, la copertura del ghiaccio marino e le variabili idrologiche. Tutte le conclusioni riportate si basano su analisi generate al computer e sul dataset di ri-analisi ERA5, utilizzando miliardi di misurazioni da satelliti, navi, aeromobili e stazioni meteorologiche in tutto il mondo.

Per maggiori dettagli, è possibile scaricare il bollettino climatico completo e le risposte alle domande frequenti sul monitoraggio delle temperature a questo link. Il servizio Copernicus, parte del programma spaziale dell’Unione Europea, continua a fornire dati operativi e servizi climatici fondamentali per comprendere e affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici su scala globale.

Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl. Giornalista e fotografo, autore di diversi reportage in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi

Articoli Recenti

“Non ti addormentare”: i ricordi e il vuoto

Con il libro “Non ti addormentare”, l’autore S.J. Watson fa il suo esordio nel mondo…

29 Maggio 2024

Premio Daphne Caruana Galizia: apertura delle candidature per l’edizione 2024

Il 3 maggio, in concomitanza con la Giornata mondiale della libertà di stampa, il Parlamento…

29 Maggio 2024

Contro l’antimicrobico-resistenza: antibiotici non bastano, servono tecnologie innovative e sostenibili

L'antibiotico-resistenza è ormai una realtà allarmante, causando annualmente 7,7 milioni di vittime a livello globale.…

29 Maggio 2024

“Le Stagioni del Madrigale” del Choro Romani Cantores alla Sala Margana

Si terranno venerdì 14 e domenica 16 giugno 2024 alle ore 20.30 presso la Sala…

29 Maggio 2024

Non guardare fuori dal finestrino: ecco la lezione della ragazza del treno

Si dice che i sognatori si riconoscano proprio da questo: dal loro scegliere sempre il…

28 Maggio 2024

Confagricoltura, Giansanti rieletto presidente all’unanimità. «Riportiamo l’agricoltura al centro dell’Europa»

Massimiliano Giansanti è stato rieletto all’unanimità alla guida di Confagricoltura. A darne l’annuncio è stata…

28 Maggio 2024