I Romani Cantores eseguono i mottetti di Giacomo Carissimi alla Sala Margana

Proseguono i concerti del Choro Romani Cantores con il Kroma Ensemble, diretti da Dario Paolini, dedicati all’espressione musicale barocca. Si...

Il Choro Romani Cantores

Proseguono i concerti del Choro Romani Cantores con il Kroma Ensemble, diretti da Dario Paolini, dedicati all’espressione musicale barocca.

Si terrà venerdì 12 gennaio 2024 alle ore 20.30 presso la Sala Margana a Roma – piazza Margana, 41 – il concerto del Choro Romani Cantores con il quale verranno eseguiti, in occasione del 350° anniversario della sua morte, alcuni mottetti di Giacomo Carissimi (Marino, 1605 – Roma, 1674) insieme a composizioni di autori a lui contemporanei.

Pensiamo alla seducente complessità teatrale delle creazioni scultoree di Gian Lorenzo Bernini, realizzate per gli spazi sacri con un sapiente uso delle fonti di luce per trasfigurare le sue apparizioni marmoree: nel repertorio musicale della stessa epoca troveremo proprio nelle composizioni di G. Carissimi, affermato compositore romano, amato dalla regina Cristina di Svezia, un suo possibile analogo. Egli mirava al coinvolgimento sensoriale e alla suggestione emotiva per rappresentare con stile narrativo la storia sacra, esaltando nel suono la dinamica delle passioni.

Giacomo Carissimi ha rivestito un ruolo rilevante nella prima stagione barocca, intorno alla metà del Seicento. In questo periodo lo stile musicale era in piena trasformazione a seguito della forte spinta innovativa impressa dalla scuola fiorentina e da Claudio Monteverdi all’inizio del secolo. In particolare, la musica stava consolidando il suo ruolo nella rappresentazione delle vicende umane (recitar cantando), fondendosi intrinsecamente con l’arte teatrale. Oltre all’evoluzione del teatro musicale, questo nuovo stile trovò impiego in ambito sacro, quale strumento efficace ed immediato per l’insegnamento e la diffusione delle storie bibliche ed evangeliche. Nella prima metà del Seicento lo sviluppo dell’Oratorio, ad opera San Filippo Neri, gettò le basi per la pratica diffusa del canto come forma di apprendimento e preghiera, soprattutto fra i giovanissimi. In questo periodo G. Carissimi, maestro attivo nelle principali chiese romane, compose, con un peculiare linguaggio musicale in grado di esaltare l’espressività sacrale, un grande numero di mottetti e oratori per le funzioni di liturgia e catechesi.

Nel corso del concerto saranno proposti alcuni mottetti di Carissimi, assieme a composizioni di musicisti che in epoca successiva ne hanno raccolto e arricchito lo spirito innovativo di uno stile musicale in grado di sottolineare in profondità la drammaticità e complessità interiore nell’ambito della fede religiosa.  

Il programma

A. Corelli (1653-1713): Sonata op.3 n.2 in re maggiore; G. Carissimi (1605-1674): O dolcissima Maria e nomen a 2 voci,  O felix anima a 3 voci, Sancta et individua Trinitas a 2 voci; Agnus Dei dalla Missa a 3 voci,  Ardens est cor nostrum a 4 voci; M. A. Charpentier (1643-1704): In Nativitatem Domini H 314; G. A. Perti (1661-1756): Magnificat a 4 voci e strumenti.

Il concerto del Choro Romani Cantores – Kroma Ensemble; direttore: Dario Paolini – si terrà presso la  Sala Margana venerdì 12 gennaio 2024.


http://romanicantores.it     

, , , ,
Madia Mauro

Madia Mauro

Esperta di Comunicazione, promuove eventi culturali e scrive di attualità, arte, fotografia, musica e spettacolo.  

Dalla Home