Il futuro del Servizio Sanitario Italiano: un’analisi critica e prospettive ottimistiche

Il presidente di Aiop, Barbara Cittadini, ha presentato il 21° Rapporto Ospedali&Salute, in collaborazione con il Censis, sottolineando la necessità...

Barbara Cittadini e Orazio Schillaci
Barbara Cittadini e Orazio Schillaci - Foto Maurizio Riccardi © AGR

Il presidente di Aiop, Barbara Cittadini, ha presentato il 21° Rapporto Ospedali&Salute, in collaborazione con il Censis, sottolineando la necessità di una rivoluzione nel Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Il rapporto evidenzia una sovrapposizione tra l’esperienza diretta degli italiani e i dati di sistema, dimostrando che le strutture private giocano un ruolo significativo nella fornitura di prestazioni ad alta complessità con una spesa relativamente contenuta.

Secondo Cittadini, la recente manovra di bilancio ha infranto il “tetto di cristallo” che limitava le Regioni all’acquisto di prestazioni dalla componente privata, aprendo la strada a un cambiamento di paradigma nell’approccio alla sanità. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha evidenziato la necessità di recuperare la fiducia dei cittadini nel SSN, promuovendo una narrazione positiva e recuperando una parte di italiani che si rivolgono direttamente alla sanità privata.

Tuttavia, il segretario generale del Censis, Giorgio De Rita, ha sottolineato le criticità del sistema, come la lunghezza delle liste d’attesa, evidenziando la necessità di un ampliamento e una gestione più efficiente delle risorse pubbliche per garantire qualità ed equità nel servizio sanitario, contrastando così la pericolosa deriva verso una sanità per censo.

Il rapporto riflette un’ampia percezione positiva del SSN tra i cittadini, ma sottolinea anche la necessità di affrontare le sfide attuali con un’ottica di miglioramento continuo e innovazione.

, , , , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home