Il “Geometrismo figurato” di Gianni Rossi al Museo d’Arte Contemporanea del Piccolo Formato MAC. GUARCINO

Mercoledì 7 febbraio alle ore 17,00 sarà inaugurata a Guarcino (FR), nella “Sala delle Colonnine” del Museo d’Arte Contemporanea del...

Geometrismo figurato di Gianni Rossi

Mercoledì 7 febbraio alle ore 17,00 sarà inaugurata a Guarcino (FR), nella “Sala delle Colonnine” del Museo d’Arte Contemporanea del Piccolo Formato MAC. GUARCINO, la mostra di opere su carta nel formato 15×15 incastonate in frame 35×35, di Gianni Rossi, raccolte sotto il titolo  “Geometrismo figurato”, allestita con testo  di Luigi Montella e la direzione artistica  dell’Associazione Culturale “Azioni d’Arte (aperta fino a sabato 9 marzo, previa prenotazione, dal martedì al sabato, dalle ore 16,30 alle 19,00).

Nella presentazione della mostra, Luigi Montella evidenzia che “Gianni Rossi rappresenta l’insieme di quelle tendenze che inizialmente, seguendo l’istintivo impulso pittorico, divisero il movimento informale in tre gruppi: gestualematerico e segnico. Ad oggi è tra gli ‘astrattisti’ più rappresentativi, abile nel trasformare l’idea icastica che rivoluzionò l’arte novecentesca in una rinnovata estrinsecazione dell’immagine, sia nelle forme sia nella realizzazione coloristica. Ben lontano dall’inganno delle apparenze, ha saputo indagare oltre i concetti di forma, spazio e tempo, liberandoli dalle ridondanze individualistiche della nostra epoca, basate quasi esclusivamente sulle realtà simulate e incapaci di collegarsi a quell’inesauribile fonte di energia che risiede nell’invisibile”. 

Dall’astrattismo lirico e da quello geometrico del Novecento, rileva ancora Montella, “Rossi eredita il concetto di rendere autonomo il colore, impregnandolo di nuove rilevanze, con la disposizione a rappresentare la totalità dei messaggi possibili inclusi  nella dimensione figurativa del reale”. 

Nella delineazione sulla tela del rapporto tra segno, colore e luce, Gianni Rossi colloca il tonalismo meridionale ai vertici dell’esperienza pittorica nazionale ed europea rompendo con la misurazione dello spazio, delle figure spaziali, con la rappresentazione dei volumi, per produrre forme geometriche che nascono dalla distribuzione del colore sulla tela e non come involucri in cui racchiudere i differenti cromatismi.
Esponente dell’arte astratto-geometrica del Sud, Gianni Rossi, nato ad Angri (SA) il 22 marzo 1944, dopo aver conseguito il Magistero di Belle Arti di Napoli, ha allestito, dal 1968, mostre personali in Italia e all’estero, ed è presente in numerose collezioni pubbliche e private. Prevalentemente attivo in pittura, ma autore altresì di pregevoli libri d’arte con monotipi, incisioni, serigrafie e di installazioni, l’artista ha svolto fino al 1995 anche una notevole attività di operatore culturale. E’ presente in dizionari e compendi storici dell’arte italiana del secondo dopoguerra.

, , , ,
Valentina Di Luzio

Valentina Di Luzio

Laurea con lode in Mediazione Linguistica e laurea magistrale in Traduzione specialistica.

Dalla Home