Il Quinto Summit Nazionale delle Diaspore: opportunità per condividere progetti, sogni e aspirazioni

All’Auditorium Antonianum si è aperta la quinta edizione del Summit nazionale delle diaspore, un momento di riflessione cruciale sul coinvolgimento...

Summit Nazionale delle Diaspore

All’Auditorium Antonianum si è aperta la quinta edizione del Summit nazionale delle diaspore, un momento di riflessione cruciale sul coinvolgimento delle comunità migranti nei progetti e nelle politiche di cooperazione allo sviluppo in Italia. Il tema centrale, il Piano Mattei, ha catalizzato l’attenzione, evidenziando una sorprendente esclusione delle diaspore nella sua governance.

Bertrand Honoré Mani Ndongbou, coordinatore delle diaspore e presidente del Coordinamento italiano delle diaspore per la cooperazione internazionale (CIDCI), ha sottolineato la rilevanza dell’inclusione delle voci africane e delle diaspore nel processo decisionale del Piano Mattei. Per Ndongbou, è fondamentale collaborare con il governo per garantire che le soluzioni migliori emergano attraverso una partecipazione attiva.

Stefano Gatti, capo della Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo (DGCS) presso la Farnesina, ha lanciato un appello diretto alle diaspore, chiedendo proposte concrete e sottolineando che sono parte integrante della società civile e del sistema italiano.

Laurence Hart, coordinatore dell’Ufficio per il Mediterraneo dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (OIM), ha promosso il concetto di “co-design”, sottolineando il ruolo chiave delle diaspore nella definizione di politiche di cooperazione allo sviluppo efficaci. Il recente consolidamento del Coordinamento italiano delle diaspore per la cooperazione internazionale è stato riconosciuto come un passo significativo per unire forze, energie e progetti.

Cleophas Adrien Dioma, presidente dell’associazione Le Reseau, ha espresso gratitudine per la partecipazione attiva delle comunità in tutto il paese. Il Summit, nato nel 2017, ha rappresentato un’opportunità per le diaspore di condividere progetti, sogni e aspirazioni.

In conclusione, il Summit delle diaspore rappresenta un momento critico per esprimere preoccupazioni, lanciare appelli e delineare il futuro della cooperazione internazionale e dello sviluppo. La chiave per il successo risiede nell’ascolto, nella partecipazione attiva e nel co-design, con la consapevolezza che la diversità delle voci e delle associazioni è una risorsa da valorizzare.

, , , , , ,
Giovanni Currado

Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl. Giornalista e fotografo, autore di diversi reportage in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi

Dalla Home