Incentivi Ecobonus 2024: Termiche in fuga, Elettriche in standby

Nell’attesa di un chiarimento sulle controversie tra il governo e Stellantis riguardo agli incentivi per le auto elettriche, i dati...

Automobili, ecobonus 2024

Nell’attesa di un chiarimento sulle controversie tra il governo e Stellantis riguardo agli incentivi per le auto elettriche, i dati ufficiali sull’andamento delle richieste di ecobonus delineano uno scenario interessante e preoccupante nel panorama automobilistico italiano. A un mese dal lancio e in previsione del prossimo round a marzo, gli incentivi per le auto a motore termico a basse emissioni stanno rapidamente esaurendosi. Secondo i dati del Mimit, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy guidato da Aldofo Urso, i fondi rimasti per le auto con emissioni tra 61 e 135 grammi di CO2 sono appena 7 milioni, rispetto ai 120 milioni iniziali.

Al contrario, gli incentivi per le auto elettriche (0-20 g/km di CO2) e le plug-in (21-60 g/km di CO2) non sono stati particolarmente richiesti, con rispettivamente 187 milioni e 229 milioni ancora disponibili. Il 1° febbraio 2024 è stato un giorno chiave per il settore, con il Tavolo Automotive che ha presentato il nuovo schema di incentivi per veicoli a basse emissioni. L’Ecobonus 2024 metterà a disposizione 950 milioni di euro, di cui 793 milioni destinati all’acquisto di nuove auto, 20 milioni per veicoli usati e 50 milioni per il noleggio a lungo termine.

Un elemento distintivo è l’introduzione di un contributo di rottamazione per auto Euro 5, proporzionale alla classe ambientale, con incentivi massimi di 13.750 euro. Le risorse destinate alle auto sono aumentate di 223 milioni rispetto al piano 2022-24, con 240 milioni dedicati alle elettriche, 35 milioni in più rispetto agli stanziamenti precedenti. Le plug-in hanno subito una diminuzione di 95 milioni, mentre le termiche e mild hybrid con emissioni tra 61 e 135 g/km vedono un aumento di 283 milioni.

I contributi variano da 1.500 a 13.750 euro, con tetto di prezzo massimo e bonus maggiori per ISEE inferiore a 30.000 euro. I titolari di licenze taxi, NCC e i vincitori del concorso per nuove licenze godono di incentivi raddoppiati. Il ministro Urso ha annunciato l’ipotesi di un incentivo per la trasformazione a gpl o metano di vecchie auto. Gli incentivi dovranno passare l’approvazione governativa e l’esame della Corte dei Conti prima di essere pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, stimato a marzo. Fino ad allora, restano in vigore gli incentivi precedenti, ma delle risorse destinate alle auto termiche, solo poco più di 10 milioni sono rimasti disponibili a dieci giorni dall’apertura delle prenotazioni.

, , , , , , ,
Giovanni Currado

Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl. Giornalista e fotografo, autore di diversi reportage in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi

Dalla Home