La mostra fotografica “In Ucraina. Irpin’, storie di guerra e resilienza” al Drugstore Museum

In Ucraina. Irpin’, storie di guerra e di resilienza è il titolo della mostra fotografica allestita presso il Drugstore Museum – via Portuense,...

foto mostra "In Ucraina. Irpin', storie di guerra e resilienza"

In Ucraina. Irpin’, storie di guerra e di resilienza è il titolo della mostra fotografica allestita presso il Drugstore Museum – via Portuense, 317 – che aprirà al pubblico da sabato 24 febbraio 2024.

Il progetto, a cura del Soprintendente Speciale Daniela Porro, del direttore del Drugstore Museum Alessio De Cristofaro e dell’archeologo e poeta Marcello Tagliente, si sviluppa in sei storie narrate da altrettante sequenze fotografiche, che offrono uno spaccato empatico della vita dei civili in guerra.

Attraverso l’obiettivo di Simone Proietti Marcellini Antonio Romano di Gaze Collective, il visitatore/visitatrice avrà virtualmente la possibilità di entrare nelle case – o in quello che ne resta – per incontrare Tatyana, Oleksander, Oksana, Lyudmila, Inna, Svitlana, cittadini/cittadine di Irpin’ nella loro quotidianità.

Il percorso espositivo è introdotto da una fotografia di Massimo Listri, considerato il maestro della fotografia d’architettura e d’ambienti, che recentemente ha realizzato un personale viaggio a Kyivda cui è scaturito un racconto per immagini di grande suggestione incentrato sul patrimonio storico-artistico della città a rischio nelle dinamiche del conflitto.

Per la mostra In Ucraina. Irpin’, storie di guerra e di resilienza il Maestro Listri ha concesso l’esposizione della fotografia Il palazzo presidenziale di Kyiv, che segnerà una simbolica tappa iniziale dello spazio espositivo dedicato al reportage realizzato da Simone Proietti Marcellini e antonio Romano di gaze Collective.

«In tempi così oscuri come quelli che stiamo vivendo», dichiara Daniela Porro, Soprintendente Speciale di Roma, «la mostra fotografica dedicata all’Ucraina e agli ucraini che stanno ancora vivendo la guerra, rappresenta la volontà da parte della Soprintendenza Speciale di Roma di accendere un riflettore sugli orrori quotidiani del conflitto. Il Drugstore Museum diventa il luogo ideale dove poter esporre queste fotografie: uno spazio dove l’antico e il contemporaneo sono in continuo dialogo, un museo aperto alla cittadinanza e alla contaminazione tra le arti».

La data di inaugurazione della mostra non è casuale: la notte fra il 23 e il 24 febbraio 2022 ha avuto inizio l’invasione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa. I media internazionali hanno raccontato quello che stava – e purtroppo sta ancora – accadendo in quella regione dell’Europa focalizzando l’attenzione su trattative internazionali, strategie militari, armamenti, distruzioni, mediazioni diplomatiche. La mostra fotografica al Drugstore Museum vuole invece focalizzare l’obiettivo sulle storie delle persone che vivono nella guerra: storie umane, storie di paure, perdite, ricongiungimenti, ma anche di speranze e di resilienza.

«Questa mostra», ha spiegato Alessio De Cristofaro, «si inserisce nel solco delle attività di un circuito museale di prossimità che recepisce e fa propri gli enunciati della Convenzione di Faro, con l’obiettivo di informare e costruire spazi di dibattito con i cittadini sui mali della guerra tra Russia e Ucraina e di ogni guerra, dando voce ai protagonisti di tante microstorie fatte di dolore, separazioni, resilienza. Una mostra che invita a non dimenticare quanto ogni giorno accade nella nostra Europa».

I fotografi del Gaze Collective hanno documentato a Irpin’, una fra le città colpite dalla furia bellica all’inizio del conflitto, le vicende di alcuni cittadini che hanno raccontato come si vive/sopravvive sotto le bombe e fra le macerie, di quell’inenarrabile sensazione che deriva dallo scoprirsi vivi dopo ogni bombardamento e di quella forza indistruttibile che spinge uomini, donne, bambini a voler tornare a casa, a voler ricominciare, nonostante la guerra, nella propria città e nella propria casa.

Nell’esposizione saranno presenti anche fotografie stampate in grandi dimensioni – selezionate da Marcello Tagliente – che rappresentano gli effetti della guerra sulla città, intervallate da poesie di autori ucraini contemporanei, dedicate ai valori e allo spirito della cultura ucraina. «A due anni dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina le immagini di case e chiese e ospedali distrutti dai missili russi, di anziani e di bambini costretti a muoversi, come fantasmi, tra le città distrutte in cerca di un rifugio sembrano non avere fine e sono stimmate dolorose che interrogano le nostre coscienze. Chi ha ucciso la pietà? E noi dove eravamo? E ora dove siamo? Le foto scattate da Gaze Collective ad Irpin’, dal forte impatto emotivo, condiviso, in questa esposizione, con le poesie scritte in tempo di guerra da alcune tra le più importanti poete ucraine, sono straordinarie istantanee di questa tragedia e soprattutto della forza interiore di un popolo che, nel cuore dell’Europa, resiste in difesa della sua libertà e riuscirà a ricostruire il suo futuro», dichiara M. Tagliente.

La mostra sarà arricchita da incontri tematici e di approfondimento che si terranno nei fine settimana presso il Drugstore Museum, con la collaborazione e la partecipazione dell’associazione Ucraina CreAttiva APS e di studiosi e artisti italiani e ucraini.


Il programma

L’obiettivo del progetto è quello di mantenere alta l’attenzione sul conflitto fra Ucraina e Russia e sui diritti alla vita, alla libertà, alla pace e all’autodeterminazione del popolo ucraino, fornendo al pubblico e ai cittadini informazioni e spunti di riflessione critica.

Sabato 2 marzo 2024. Presentazione del volume Hope, Ucraina, due anni senza tregua, intervista con l’autore Lorenzo Pompeo

Sabato 16 marzo. Incontro con Oksana Stomina, poetessa ucraina autrice di Lettere non spedite con Ucraina Creattiva

Sabato 23 marzo. Voci e suoni dal Mediterraneo in fiamme. Voce narrante Marcello Tagliente (poeta e archeologo), accompagnato dalle sonorità di Stefano Saletti (compositore e polistrumentista)

Sabato 6 aprile. Le Troiane, il dramma della guerra nella tragedia antica. Incontro con Andrea Ercolani

Sabato 20 aprile. Tra Oriente e Occidente, incontro con Isabella Vincentini

Domenica 5 maggio. Finissage della mostra

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Redazione Agrpress

Redazione Agrpress

Dalla Home