“La Portalettere” di Francesca Giannone Premio Bancarella 2023

La scrittrice pugliese Francesca Giannone vince il Premio Bancarella 2023 con il suo romanzo d’esordio, La portalettere (Editrice Nord). Il...

La scrittrice pugliese Francesca Giannone vince il Premio Bancarella 2023 con il suo romanzo d’esordio, La portalettere (Editrice Nord).

Il libro racconta la storia di Carlo Greco, tornato a Lizzanello, in Salento, nel giugno del 1934, dopo aver ricevuto una grossa eredità dallo zio, per ricongiungersi alla famiglia d’origine, insieme al figlio Roberto, di appena un anno, e alla moglie Anna Allavena, maestra del Nord, destinata a sfidare la diffidenza e i pregiudizi dell’epoca.

Arrivano con una corriera nella piazza principale del paesino dove ad attenderli c’è Antonio, fratello maggiore di Carlo, che si innamora della donna nel momento in cui incrocia i suoi occhi verdi per la prima volta.

Anna non va in chiesa, legge romanzi europei, parla francese, beve caffè corretto al bar, indossa i pantaloni e dice quello che pensa. Anna, ligure di nascita e per tutti la “forestiera”, si oppone con fierezza alle leggi non scritte che imprigionano le donne del Sud. Sostenuta dall’amore del marito e dalla vicinanza di Antonio, porta avanti una rivoluzione culturale e sociale combattendo ingiustizie e discriminazioni di genere e schierandosi a favore delle donne e dei più deboli. Quando vince un concorso bandito dalle Regie Poste e diventa la prima portalettere di Lizzanello, forse d’Italia, suscita risate di scherno negli uomini e invidiosa ostilità nelle donne. L’incarico durerà poco, secondo i compaesani. Invece, per oltre vent’anni, prima a piedi e poi in bicicletta, Anna attraverserà il paese per consegnare le lettere dei ragazzi al fronte, le cartoline degli emigranti, i messaggi in codice degli amanti e sarà punto di riferimento per molti di loro. Francesca Giannone firma un romanzo corale che fotografa un meridione che profuma di salsedine e melograni, ma che sa essere crudo e feroce nei confronti del diverso e di ciò che mina i privilegi acquisiti. Intense, raffinate, libere le pagine che descrivono dinamiche familiari ricche di umanità, passioni coltivate con determinazione e impegno e chiacchiere di paese che condannano. Il risultato è una sublime storia d’amore e di riscatto che percorre trent’anni di vita italiana. Nel racconto non può mancare il rito del pesto genovese, pratica necessaria per sciogliere nodi e mantenere forte il legame con le radici. Ma, su tutto, per riacquistare un sorriso impossibile da dimenticare.

La portalettere di Francesca Giannone, pubblicato da Editrice Nord (Milano) nella collana “Narrativa Nord”, pp. 416, è disponibile in libreria e online da gennaio 2023.

, , , ,
Madia Mauro

Madia Mauro

Esperta di Comunicazione, promuove eventi culturali e scrive di attualità, arte, fotografia, musica e spettacolo.  

Dalla Home