L’albero di Natale del Vaticano: un dono di speranza e sostenibilità dalla Valle Maira

Oggi, sabato 9 dicembre si è svolto un evento straordinario in Piazza San Pietro: durante una suggestiva cerimonia è stato...

Albero di Natale a Piazza San Pietro
Foto Maurizio Riccardi © AGR

Oggi, sabato 9 dicembre si è svolto un evento straordinario in Piazza San Pietro: durante una suggestiva cerimonia è stato acceso l’albero di Natale donato dal Comune di Macra e dalla Regione Piemonte al Vaticano e a Papa Francesco. Questo maestoso albero rappresenta molto più di una decorazione festiva; è un simbolo di speranza e sostenibilità proveniente dalla piccola comunità della Valle Maira.

GUARDA LE FOTO

La delegazione piemontese, guidata dal presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e dall’assessore all’agricoltura, Marco Protopapa, accompagnati dal sindaco di Macra, Valerio Carsetti, e dal presidente della Provincia di Cuneo, Luca Robaldo, insieme a numerosi cittadini della Valle Maira, ha partecipato all’udienza papale in Sala Paolo VI, rendendo questo momento ancora più significativo.

Il presidente Cirio ha espresso la sua emozione e gratitudine, sottolineando l’eccezionalità di questo dono. Ha evidenziato il lungo viaggio iniziato otto anni fa, quando il Comune di Macra ha formulato la richiesta al Vaticano. Questo gesto segna la prima volta in cui l’albero di Piazza San Pietro proviene dal Piemonte, un messaggio di speranza e pace mondiale oltre che un’opportunità per valorizzare le montagne locali e le comunità che le abitano, ispirate dalla sostenibilità e dall’amore per il proprio territorio.

Il sindaco di Macra, Valerio Carsetti, ha ribadito l’importanza di attirare l’attenzione sui piccoli borghi di montagna, considerandoli fondamentali per il loro rilancio. Queste comunità sono vere e proprie oasi di sostenibilità e custodi delle terre alte, meritevoli di essere riconosciute e apprezzate.

Anche il presidente della Provincia di Cuneo, Luca Robaldo, ha sottolineato il valore di questa iniziativa, da un piccolo comune di montagna fino a Piazza San Pietro. Ha evidenziato l’aspetto della sostenibilità, richiamando l’enciclica del Santo Padre e lodando le aziende piemontesi impegnate nella cura dei boschi.

Questo imponente albero, alto quasi 30 metri, è giunto a Roma grazie a un eccezionale trasporto. È stato addobbato con luci e una speciale “tela” composta da oltre 7.000 stelle alpine coltivate e essiccate, offerte da un vivaista locale, regalando l’effetto magico di una nevicata. Dopo le festività, l’albero sarà donato a un’associazione produttrice di giocattoli in legno per bambini bisognosi.

Questo gesto simbolico non solo aggiunge un tocco di festa a Piazza San Pietro, ma porta con sé un messaggio di speranza, sostenibilità e solidarietà, proveniente da una comunità di appena 48 abitanti, dimostrando che anche dai luoghi più piccoli possono scaturire gesti di grande importanza per il mondo intero.

, , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home