Marevivo: con il progetto Il Sentiero d’Acqua del Martin Pescatore oltre 180 giovani diventano guide del fiume Tevere

Protagonisti del percorso didattico del progetto “Il Sentiero d’Acqua del Martin Pescatore” studenti e studentesse della scuola media “Cecco Angiolieri” di Roma....

Protagonisti del percorso didattico del progetto “Il Sentiero d’Acqua del Martin Pescatore” studenti e studentesse della scuola media “Cecco Angiolieri” di Roma.

Si è concluso il programma di attività previste dal progetto di educazione ambientale di Marevivo “Il Sentiero d’Acqua del Martin Pescatore”, realizzato con il contributo della Regione LazioUfficio di Scopo Piccoli Comuni e Contratti di Fiume – nell’ambito dell’Avviso per la concessione di contributi per i contratti di fiume delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi 2022/2023. L’iniziativa vuole promuovere una maggiore partecipazione dei ragazzi e delle ragazze nella valorizzazione del Tevere come luogo di conoscenza, scoperta, divertimento e ricchezza naturale.

L’evento finale ha visto protagonisti circa 180 studenti e studentesse delle otto classi di 2ª della Scuola Secondaria di 1° grado “Cecco Angiolieri” – I.C. Via Savinio 43, di Roma che, con l’aiuto dei loro docenti e degli esperti di Marevivo, hanno esposto i lavori elaborati durante il percorso didattico.

Nell’ambito del progetto, ragazzi e ragazze – accompagnati dagli operatori dell’associazione – hanno avuto la possibilità di scoprire il fiume Tevere ed il suo valore storico, naturalistico e ambientale grazie a un’uscita in battello, dall’Isola Tiberina a Ponte Risorgimento, che per molti di loro è stato il primo vero incontro ravvicinato con il fiume, sul fiume. L’uscita ha fornito molti spunti interessanti, approfonditi successivamente in classe attraverso alcuni laboratori didattici finalizzati anche a comprendere il significato del “contratto di fiume”, prezioso strumento di gestione del bacino fluviale.

A conclusione delle attività, i giovani protagonisti hanno ricevuto il diploma di “Guida del Sentiero d’Acqua del Martin Pescatore”, alla presenza di Cristiana Avenali (Responsabile dell’Ufficio di Scopo Piccoli Comuni e Contratti di Fiume della Regione Lazio), Angela Maria Marrucci (Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo), Carmen Di Penta (Direttore Generale di Marevivo) e Laura Gentile (Coordinatrice del progetto).

L’iniziativa ha avuto l’obiettivo di spronare studenti e studentesse ad assumere nei confronti del fiume Tevere lo stesso atteggiamento combattivo e protettivo del martin pescatore, un uccello acquatico colorato e affascinante che i ragazzi hanno potuto osservare durante la loro escursione didattica e che per questo motivo è stato scelto come simbolo del progetto.

«È la fine di un progetto ma è soprattutto l’inizio di un nuovo modo di percepire e rispettare il Tevere e il proprio territorio, dalla cui cura dipendono sia l’integrità del fiume, sia la salute del mare», ha dichiarato Carmen Di Penta, presente in classe con alunni e docenti. «Il diploma che abbiamo consegnato ieri assegna a ciascun alunno e alunna un ruolo da protagonista nella strada verso la sostenibilità, una strada fatta di conoscenza e consapevolezza, di piccoli gesti virtuosi quotidiani e di amore e rispetto per il proprio ambiente di vita. Desidero ringraziare vivamente la Regione Lazio e la scuola Cecco Angiolieri per aver voluto condividere assieme a noi questa bellissima avventura».

«Anche questa seconda edizione del progetto dei contratti di fiume delle bambine e dei bambini è stata un grande successo di partecipazione ma anche di elaborazione e di qualità dei progetti, come nel caso dell’associazione Marevivo. È veramente un piacere l’entusiasmo che leggi negli occhi dei giovani che hanno partecipato a questa esperienza. Tutto ciò assume un valore ancora più grande visti i tragici eventi alluvionali di questi giorni, che fanno risaltare l’importanza dell’educazione ambientale, della conoscenza dei fiumi, dell’attenzione che deve mettere l’uomo negli interventi che pone in essere per salvaguardare l’ambiente ma anche se stesso, ed evidenziano la necessità di politiche di difesa e manutenzione del territorio, della salvaguardia dei corsi d’acqua, all’insegna della sostenibilità. Sicuramente i contratti di fiume sono una chiave vincente», ha affermato Cristiana Avenali, Referente per il Lazio del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume.

«Si è concluso il progetto condotto da Marevivo con gli alunni della scuola secondaria di I grado Cecco Angiolieri di Roma grazie al contributo della Regione Lazio. Nella giornata del 24 maggio è avvenuta la consegna degli attestati agli alunni che, in quell’occasione, hanno presentato i lavori di approfondimento svolti sull’ecosistema del fiume Tevere e le proposte ideate per un miglioramento delle condizioni ambientali e la tutela più sistematica del nostro territorio. All’evento ha preso parte, oltre al Direttore Generale di Marevivo, Carmen Di Penta, anche la Dott.ssa Cristiana Avenali, in qualità di Referente per il Lazio del Tavolo nazionale dei Contratti di fiume. L’iniziativa ha riscosso, in definitiva, un grande successo coinvolgendo i ragazzi in un’esperienza del tutto nuova alla riscoperta di luoghi vicini ma finora sconosciuti ed evidenziando realtà faunistiche e naturalistiche inaspettate», ha dichiarato la Dirigente Scolastica Angela Maria Marrucci.

, , , , , , , ,
Madia Mauro

Madia Mauro

Esperta di Comunicazione, promuove eventi culturali e scrive di attualità, arte, fotografia, musica e spettacolo.  

Dalla Home