No grandi eventi sulle spiagge libere:PORTOparty al Rockisland di Rimini

Le testimonianze, il dialogo, il piccolo pranzo con cibo vegetariano condiviso e una eco-camminata sulla battigia. Coordinamento Italiano per la...

spiaggia di Rimini

Le testimonianze, il dialogo, il piccolo pranzo con cibo vegetariano condiviso e una eco-camminata sulla battigia.

Coordinamento Italiano per la Tutela degli Ambienti Naturali dai Grandi Eventi – Marevivo – Aps Basta Plastica in Mare Network -Associazione professionale Generazione Mare – Soroptimist International Club di Rimini, Asoer si sono messi insieme per dire NO ai grandi eventi sulle spiagge libere e si ritroveranno sabato 13 aprile 2024 al Rockisland di Rimini per un PORTOparty.

I luoghi non antropizzati sono habitat rari e preziosi su tanti territori, anche turistici, montagne e riserve naturali comprese, e vanno difesi dalla “messa a reddito” che, mai sazia, incombe con eventi di ogni genere ovunque in Italia.

A beneficio dell’avifauna, della vegetazione e anche degli umani che proteggono l’ambiente e amano viverlo liberamente, la spiaggia non ombreggiata e non organizzata, libera da concessioni in aree di demanio marittimo, è un bene collettivo che corrisponde a piccoli ecosistemi fragili e utili alla riproduzione di specie protette. I piccoli uccelli, come il fratino, lì nidificano e si riproducano, così come le creature di mare, quali le tartarughe caretta caretta, insieme agli arbusti e gli insetti più selvatici che vi trovano accoglienza e dimora.

La Costituzione e le leggi impongono seri quesiti di impatto ambientale sulla sostenibilità e pertanto sull’opportunità di concedere i luoghi naturali per i grandi eventi. Tutti interrogativi suggeriti peraltro dal buon senso e la cura per ciò che resta della natura sia sulle coste intorno alla penisola che su colline e montagne tra le più preziose in Italia.

Il Comitato nazionale C.I.T.A.N.G.E., formatosi spontaneamente due anni fa a causa del  grave impatto ambientale del Jova Beach Party, è composto ora da circa sessanta fra organizzazioni ambientaliste locali nate dal basso. L’Aps Basta Plastica in Mare Network a seguito del convegno dello scorso 9 marzo nella sede di Marevivo, il Barcone recuperato sul Tevere, in collaborazione di Generazione Mare e Soroptimist Rimini per il Progetto Mare, ha promosso l’azione comune di comunicazione scientifica e partecipazione ecologica.

Perché Rimini è una città vocata al turismo e perfettamente organizzata per eventi e ambisce altresì ai riconoscimenti relativi alla cultura che esprime. Tuttavia, nonostante la grande disponibilità spazi, locali pubblici ed edifici, piazze e stadi, tutti luoghi preposti a contenere folla, luci, suoni e ciò che ogni spettacolo da grandi numeri porta con sé, gli enti pubblici, a nome dei cittadini tutti, danno il benestare a una innaturale antropizzazione distruttiva sulla spiaggia libera.

A Miramare tra Rimini e Riccione, in un luogo umido ed ecologicamente prezioso, la foce del Marano, giustappunto tra le Terme e colonie abbandonate del Novecento, ogni estate le ruspe spianano le dune e tutto viene spazzato via (anche i pulli dei fratini) per far largo in luglio e agosto alla folla e al frastuono della BeachArena (già la denominazione la dice lunga). Si tratta dell’eredità infausta del Jova Beach Party collocato in una delle rarissime porzioni di spiaggia libera rimaste nel Riminese, l’habitat nel quale nidifica il fratino. Noi tutti sappiamo di dover contribuire a farla cessare e proponiamo alle organizzazioni private che ne richiedono le concessioni e alle istituzioni che le concedono, di ascoltare le nostre motivazioni e trovare una soluzione accettabile per i cittadini che esprimono interesse a favore della natura: umana, animale, vegetale.

I promotori richiedono insieme il rispetto degli articoli 9 e 41 della Costituzione Italiana:

Art. 9: «La Repubblica Italiana tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni […] la legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali».

Art. 41: «L’iniziativa economica privata […] non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana, alla salute, all’ambiente» e che «la legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali».

Il programma

Ore 11.00: Incontro Scientifico Aree Marine Protette e Biodiversità nella difesa degli ambienti fragili. Testimonianze e interventi di esperti scientifici e giuridici sugli orientamenti comuni.

Premessa: Saluto di Rosalba Giugni, presidente Fondazione Marevivo.

Finalità: Manuela Fabbri, presidente associazione di promozione sociale Basta Plastica in MARE Network: La voce del Mare dalla Rimini che costruisce sul rispetto dell’ambiente. Obiettivi e partner.

Dialogo: Coordina Franco Borgogno (scrittore, responsabile scientifico European Research Institute, presidente onorario di Basta Plastica in Mare Network): Antropizzazione degli habitat dalle Alpi al Mare: in pericolo avifauna e vegetazione.

Intervengono

Daniela Addis (avvocata, presidente Associazione Professionale Generazione Mare): Costituzione. Ordinamento giuridico e principi di sostenibilità.

Marco Zaoli (urbanista e paesaggista, docente Università di Bologna: Ecologiche, servizi ecosistemici: questi sconosciuti: Cambiamenti climatici, reti.

Roberta Corsi (Asoer Associazione Ornitologi dell’Emilia Romagna): La nidificazione del fratino sulla costa riminese.

Francesca Santarella (Coordinamento Italiano per la Tutela degli Ambienti Naturali dai Grandi Eventi, Italia Nostra): Il fenomeno dei Grandi Eventi in Natura e il ruolo del Coordinamento nazionale.

Romeo Farinella (professore ordinario di Urbanistica, Università di Ferrara): Tra le case, le dune e il mare. Riflessioni sulla costa quale bene comune.

Interventi liberi dei volontari nelle associazioni.

Ore 13.30: piccolo pranzo vegetariano condiviso dal doppio significato: “porto” luogo, “porto” dono. Su raccolta delle pre-iscrizioni (a offerta libera, a partire da 10 euro).

Ore 15.00: Ecocamminata sul caratteristico Molo di Rimini sopravvivono due antiche palafitte, un tempo dei pescatori, una delle quali, restaurata, è divenuto il Rockisland, locale pubblico molto amato dai giovani e che, gentilmente concesso, ospita e dà il nome a PORTOparty 2024. Affianco alla “palata”, il molo di Rimini, la spiaggia libera di Marina Centro resiste sebbene messa a dura prova da eventi invasivi di ogni tipo: tendoni e corse di moto sulla spiaggia, etc. È lì che è nata la prima Beach Arena nel 2016 e dopo molte proteste degli ambientalisti solamente trasferita su altra spiaggia libera, quella delle Colonie abbandonate di Miramare, un’area altrimenti considerata di “degrado” (questa la versione ufficiale). È il luogo che noi ecologisti vorremmo preservare ad habitat naturale protetto: per gli umani, i fratini, la vegetazione… E possibilmente con l’interessamento fattivo e positivo di enti pubblici e i cittadini, stakeholder compresi. Affinché divenga una ricchezza per tutti e per il nostro territorio che, giustappunto a vocazione balneare ha nel mare e negli habitat marini, la prima essenziale risorsa naturale. 

Collaborazione: Soroptimist International Club Rimini nell’ambito del progetto Soroptimist per il Mare, “Natura, Cultura, Futuro Sostenibile.” – Rockisland RiminiPasta Madre, Forneria Contadina.

Jova Beach Party a Rimini, 10 luglio 2019: https://www.youtube.com/watch?v=weEjYW9TpMc

, , , , , , , , , , , , , ,
Madia Mauro

Madia Mauro

Esperta di Comunicazione, promuove eventi culturali e scrive di attualità, arte, fotografia, musica e spettacolo.  

Dalla Home