“Nostra signora delle nuvole” di Mirko Zilahy presentato a Spazio5

È stato presentato martedì 28 novembre 2023 presso Spazio5 – via Crescenzio 99/D, in zona Prati, a pochi metri da piazza del Risorgimento – il...

Mirko Zilahy con Francesca Ripanti a Spazio5
Foto Maurizio Riccardi ©Agrpress

È stato presentato martedì 28 novembre 2023 presso Spazio5 – via Crescenzio 99/D, in zona Prati, a pochi metri da piazza del Risorgimento – il libro di Mirko Zilahy Nostra signora delle nuvole (HarperCollins Italia).

L’autore ha dialogato con Francesca Ripanti (PxiL – Pazzi x i Libri).

«Mi abbraccia, respiro forte il suo odore di casa e per qualche magia mi sento sicuro, perché so che mamma sa il nome di tutte le cose. Anche di quelle che non esistono» (Mirko Zilahy, Nostra signora delle nuvole, HarperCollins Italia, Milano 2023)

«Che gli dèi muoiano, rende la morte ancora più insolente» (Elias Canetti)

Mirko ha sette anni e sette nomi. Ogni nome una storia, una vita, un sogno, un destino che gli ha donato sua madre Annarita. Per lui ha inventato una lingua in grado di trasportarli in un universo mitico e fiabesco. Insieme, hanno creato una fortezza di storie e di parole per difendersi dal più terribile dei mostri: la realtà. Attraverso l’infanzia nel pittoresco quartiere romano di Città Giardino – punteggiata dalle visite dell’elegante nonna materna, del bizzarro nonno ungherese e dal rapporto difficile con il padre – la voce narrante muta con l’arrivo della sorellina e con il sofferto trasloco a Latina. Con lo stesso sguardo svagato e favoloso di Annarita, Mirko trasforma le ansie in una narrazione picaresca che sfida le trappole dell’adolescenza, la scoperta dell’amore, e del dolore più grande. Fino a quando, la realtà, inesorabilmente, non s’insinua fra le mura di casa, portando con sé il fantasma dell’età adulta e della fantasia che si sfalda come le nuvole. Fra le inevitabili macerie dell’esistenza resta però intatto l’obelisco della madre a testimoniare una storia meravigliosa e a tramandare le splendide illusioni di una vita.

M. Zilahy, dopo il successo nel thriller, accorda la voce a un registro letterario e scopre una gamma di colori, stili e sensazioni che lo proietta nella grande tradizione del romanzo familiare e di formazione.

Un libro poetico, commovente, universale, che racconta la vita di un uomo e della sua famiglia attraverso gli occhi colmi di stupore di un bambino, e la storia d’amore fra una madre e i sui figli attraverso la letteratura, l’immaginazione, l’irrealtà. La storia di un destino scritto nelle nuvole.

Mirko Zilahy (Roma, 1974) ha conseguito un dottorato presso il Trinity College di Dublino, dove ha insegnato Lingua e Letteratura italiana. Collabora con il «Corriere della Sera» ed è stato editor per minimum fax, nonché traduttore dall’inglese (ha tradotto, fra gli altri, Mystic River di Dennis Lehane e Il cardellino di Donna Tartt – premio Pulitzer 2014). Con Longanesi ha pubblicato i thriller   E’ così che si uccide (2016), La forma del buio (2017), Così crudele è la fine (2018), L’uomo del bosco (2021). Con Nostra signora delle nuvole abbandona il genere, a favore di un emozionante racconto familiare che parte dalla sua vita.

Nostra signora delle nuvole di Mirko Zilahy, pubblicato da HarperCollins Italia (Milano) – in copertina: foto Jake Wyman / Getty Images; cover design: Falcinelli & Co. / Florinda Giannino -, e disponibile in libreria e online da settembre 2023, è stato presentato a Spazio5 martedì 28 novembre.

, , , , , , ,
Redazione Agrpress

Redazione Agrpress

Dalla Home