“Oppenheimer” di Christopher Nolan trionfa agli Oscar 2024: una notte di successi e riflessioni

La 96esima edizione degli Academy Award ha decretato “Oppenheimer” di Christopher Nolan come il grande vincitore della serata, portando a...

oscar 2024
Robert Downey, Jr., Da'Vine Joy Randolph, Emma Stone e Cillian Murphy - Foto Michael Baker ©A.M.P.A.S.

La 96esima edizione degli Academy Award ha decretato “Oppenheimer” di Christopher Nolan come il grande vincitore della serata, portando a casa sette Oscar su tredici nomination. Il film, ispirato alla figura del padre della bomba atomica, si è aggiudicato i premi più prestigiosi, tra cui miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista (Cillian Murphy) e miglior attore non protagonista (Robert Downey Jr.).

Nel suo discorso di ringraziamento, Nolan ha elogiato l’incredibile squadra dietro il film, sottolineando il mondo complesso e controverso di Oppenheimer. Murphy, nel ritirare il premio per il miglior attore protagonista, ha dedicato l’onore agli operatori di pace nel mondo, sottolineando il legame del film con il tema della bomba atomica.

Emma Stone è stata un’altra figura di spicco, vincendo il suo secondo Oscar come migliore attrice per “Povere Creature!” di Yorgos Lantimos. La serata, oltre ai trionfi cinematografici, ha offerto momenti di politica, con il presentatore Jimmy Kimmel che ha scherzato sulle critiche di Donald Trump alla sua conduzione.

Tra i momenti memorabili, Ryan Gosling ha esibito una performance canora e Andrea Bocelli ha emozionato con “Con te partirò” nel segmento In Memoriam. La serata si è conclusa con una lista di premi che ha visto trionfare anche produzioni come “La Zona di Interesse” di Jonathan Glazer e “Il ragazzo e l’airone” di Hayao Miyazaki.

Tuttavia, l’evento è stato offuscato dalle dichiarazioni controverse dell’attore Massimo Ceccherini, candidato agli Oscar per la sceneggiatura di “Io Capitano”. Durante un’apparizione a “Da noi… a ruota libera”, Ceccherini ha pronunciato affermazioni ritenute antisemite, suscitando indignazione e richieste di condanna.

L’attore, nel commentare la candidatura del film italiano alla categoria “Miglior Film Straniero”, ha dichiarato: “Sono molto fiero di aver lavorato con Garrone che ha fatto un film favoloso. Sappiate che il film della cinquina è più bello solo che non vincerà perché vinceranno gli ebrei.” Questa affermazione ha immediatamente generato sconcerto, tanto che la conduttrice Francesca Fialdini ha cercato di distogliere l’attenzione verso un altro film in gara.

Le dichiarazioni di Ceccherini hanno suscitato reazioni immediate da parte della comunità ebraica italiana, con il presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni, dichiarando: “È gravissimo e inaccettabile che Massimo Ceccherini abbia rilanciato uno dei più tristi e abusati stereotipi antisemiti.” La ferma condanna è stata estesa anche dall’Ugei, che ha auspicato interventi appropriati dalle autorità competenti.

, , , , , , ,
Giovanni Currado

Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl. Giornalista e fotografo, autore di diversi reportage in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi

Dalla Home