Radio Magia di Valerio Aiolli presentato a Spazio5

Si è svolta giovedì 20 aprile 2023 presso Spazio5 – via Crescenzio 99/D, a pochi metri da piazza del Risorgimento...

foto Carmelo Daniele

Si è svolta giovedì 20 aprile 2023 presso Spazio5 – via Crescenzio 99/D, a pochi metri da piazza del Risorgimento – la presentazione del libro di Valerio Aiolli “Radio Magia” (minimum fax).

L’autore ha dialogato con Francesca Ripanti (PxiL – Pazzi x i Libri).

«Non vorrei mai tornare ai miei vent’anni, ma forse sì. E Radio Magia di Valerio Aiolli mi ha ricordato perché. La ragione è che sono anni struggenti, dolorosi e vivi, come forse non potrà essere mai più nel corso della vita. E ci sono libri, come Radio Magia che sono romanzi di formazione, romanzi della memoria, scatole cinesi con sorpresa finale, quei libri che ti fanno piangere, ridere, ricordare e – forse – voler dimenticare. Quei ragazzi del ’78 non ce li ricordavamo quasi più, con tutto quello che nel frattempo ha fatto irruzione nelle nostre giornate, occupando spazi delle nostre vite che non pensavamo più essere così vuoti e allo stesso tempo così pieni di cose da metterci dentro: una radio ad esempio. Un sogno.  Sembra facile ma non lo è. Perché la bellezza di questo romanzo sta nel fatto che non è tutto qui. Perché questi ragazzi non sono solamente quelli del ’78, sono anche quelli di oggi e quelli di sempre, perché un buon romanzo – e un buon romanzo di formazione soprattutto – parla anche di noi, di tutti noi, di ogni generazione.  E non è facile perché poi ti arriva la sorpresa finale, che quasi ti spinge a ripensare al libro dall’inizio e ricollegare i fatti, le scene, rimettere insieme i cocci di una storia semplice e complicatissima allo stesso tempo, ma lo capisci alla fine.  E allora ti ricordi perché non vuoi tornare indietro, per quella realtà brutta e dolorosa che ti arriva in faccia come un incidente stradale e che ti sveglia da quel sogno, inesorabilmente e ti ricorda che devi crescere, anzi sta già accadendo e tu non puoi fare nulla, se non lasciare che il tempo passi. Questo romanzo ti ricorda quanto sia tutto così fragile in quegli anni, così grandioso, maestoso e tragico. E quanto siamo belli a quell’età, mannaggia a noi» (Francesca Ripanti)

 

Troppo giovani per aver fatto il Sessantotto, troppo introversi per partecipare al Settantasette. Toppa, Caio, il Gipo e un pugno di altri ragazzi trascorrono le serate fra lunghe camminate e piccoli teppismi, delle cui conseguenze faticano anche soltanto a rendersi conto. Fino al giorno in cui si mettono in testa di far nascere una radio nella cantina di Caputo, a cui da sempre viene riconosciuto un anomalo carisma fatto di spirito organizzativo, amore per la precisione e misteriose fragilità. La mancanza di fondi e di qualunque competenza tecnica non frenano il loro contagioso entusiasmo: raccogliendo ovunque dischi e idee, microfoni e pubblicità, animano quel sogno collettivo sotto la rassicurante guida del loro general manager, certi di avere trovato la chiave per esprimere tutte le proprie qualità, potenzialmente infinite come le onde elettromagnetiche che diffonderanno le loro voci e le loro scelte musicali nell’etere. Dentro e fuori le mura di quella vecchia cantina di Caputo, il futuro risplende come una promessa. Rievocando con ironia e leggerezza un periodo della nostra storia in cui tutto sembrava possibile e tutto era sul punto di cambiare. Valerio Aiolli attraversa in Radio Magia quella soglia tra immaginazione e realtà che ognuno di noi prima o poi è chiamato a varcare, offrendoci un racconto che ci diverte, ci commuove e dà finalmente voce alla parte meno rappresentata di una generazione, quella che alla fine rimase afona e schiacciata dagli eventi. E che pure compì, con la goffaggine dei dilettanti, il suo maldestro apprendistato alla vita.

Valerio Aiolli (Firenze, 1961) esordisce nel 1995 con la raccolta di racconti Male ai piedi, finalista del Premio Assisi per inediti. Con il suo primo romanzo (Io e mio fratello – 1999, edizioni e/o), tradotto anche in Germania ed in Ungheria, ha vinto il Premio Fiesole per narratori under 40 ed è stato ammesso alla selezione Premio Strega. Seguono Luce profuga (e/o, 2002), con cui vince il Premio Giusti, Fuori tempo (Rizzoli, 2003), La vita addosso. 9 scrittori raccontano 9 vite estreme (Fernandel, 2006), scritto con Enzo Fileno Carabba e Leonardo Gori, Ali di sabbia (Alet Edizioni, 2007), Il sonnambulo (Gaffi Editore in Roma, 2014), Lo stesso vento (Voland, 2016), Il ragazzo che vi guarda. Un racconto di Santo Spirito (Firenze Leonardo, 2016), Il carteggio Bellosguardo. Henry James e Constance F. Woolson: frammenti di una storia (Italo Svevo, 2017), Nero ananas (Voland, 2019), finalista (in cinquina) al Premio Strega, X. Una caccia (Tetra, 2022), Amici per la pelle (KM, 2022).

 

Radio Magia di Valerio Aiolli, pubblicato da minimum fax nella collana “Nichel” e disponibile in libreria e online da gennaio 2023, è stato presentato a Spazio5 giovedì 20 aprile 2023.

 

, , , , , , , ,
Redazione Agrpress

Redazione Agrpress

Dalla Home