Storia dell’arte della cartapesta di Ezio Flammia alla Fondazione Besso

Verrà presentato Venerdì 16 febbraio 2018 alle 17.00 presso la Fondazione Besso – largo di Torre Argentina 11- a Roma il...

Verrà presentato Venerdì 16 febbraio 2018 alle 17.00 presso la Fondazione Besso – largo di Torre Argentina 11- a Roma il libro di Ezio Flammia “Storia dell’arte della cartapesta” (Dino Audino editore). Insieme all’autore interverranno il professor Claudio Strinati e la dottoressa Nicoletta Cardano. Modererà l’incontro il professor Ennio Bispuri.

In passato lo studio dell’arte della cartapesta – in Occidente un’eccellenza della cultura italiana – è stato fortemente penalizzato dai pregiudizi connessi alla sua materia, originata da umili stracci e ritenuta perciò sostanza “vile” e non adatta alla produzione di opere d’arte.

Storia dell’arte della cartapesta. Cosa e come è stato costruito con la cartapesta nel corso dei secoli, scritto da uno scenografo maestro della cartapesta, attraverso un rigoroso e meticoloso esame, ne rivaluta l’arte, dalle prime sperimentazioni nelle botteghe toscane della metà del Quattrocto fino all’arte moderna. Vengono così esaminate con passione e competenza le opere degli artisti del passato e di quelli moderni che hanno creato opere d’arte di cartapesta di grande rilievo: Jacopo della Quercia, Donatello, Antonio Rossellino, Benedetto da Maiano, Desiderio da Settignano, Jacopo Sansovino, Ferdinando Tacca, Beccafumi, Bernini, Algardi, Angelo Gabriello Piò, Sanmartino, fino a Jean Dubuffet ed agli ultimissimi sperimentatori. Nello studio di Ezio Flammia emerge ancor più uno straordinario patrimonio, dai giocattoli alle arti applicate, dalle suppellettili agli allestimenti scenici ed effimeri.

«Flammia è senza ombra di dubbio il massimo esperto dell’argomento, conoscitore profondo delle procedure esecutive, storico di indiscussa competenza, critico sensibile e dotto. Flammia, però, è anche e soprattutto artista di qualità cospicua, erede di una tradizione che, appunto, egli consacra nel libro manifestando un amore e una dedizione all’argomento invero encomiabili». (Claudio Strinati, Introduzione a Ezio Flammia, Storia dell’arte della cartapesta. Cosa e come è stato costruito con la cartapesta nel corso dei secoli, Dino Audio editore, Roma 2017).

Ezio Flammia, artista e scenografo, è maestro della cartapesta ed ha esposto in Italia e all’estero. Ha realizzato scenografie e costumi per numerose opere teatrali ed ha collaborato all’allestimento di varietà in prima serata per Rai 2. Ha restaurato importanti opere di cartapesta per il Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma. Nel 1996 ha ricevuto presso la Camera dei Deputati La Plejade, il premio internazionale alla carriera per le arti. È autore di Fare cartapesta e scultura di stoffa (Dino Audino editore, Roma 2014).

Storia dell’arte della cartapesta. Cosa e come è stato costruito con la cartapesta nel corso dei secoli di Ezio Flammia, pubblicato da Dino Audino editore (Roma) nella collana “Ricerche”, prefazione di Claudio Strinati, è disponibile in libreria e online da dicembre 2017.

 

, , , , , , , ,
Alessandro Poggiani

Alessandro Poggiani

Classe 1986, storico del cinema e giornalista pubblicista, appassionato di courtroom dramas, noir, gialli e western da vent'anni circa, ha lavorato come battitore per libri, saggi e articoli, e come segretario di produzione per un docufilm su Pier Paolo Pasolini. Dopo un master in Editoria e Giornalismo, ha collaborato con il Saggiatore, con la Dino Audino editore e con AGR. Attualmente lavora come redattore freelance, promotore di eventi culturali e fotografo in occasione di incontri, dibattiti, presentazioni di libri, fiere librarie e vernissages.

Dalla Home