Rivoluzione TV: Il debutto del colore nel 1954 e il ritardo Italiano

Il 28 febbraio 1954 segna una svolta epocale nella storia della televisione, con il lancio del primo televisore a colori,...

televisione a colori, televisore
Foto Carlo Riccardi © Archivio Riccardi

Il 28 febbraio 1954 segna una svolta epocale nella storia della televisione, con il lancio del primo televisore a colori, il Westinghouse H840CK15, a New York. Questo modello, utilizzando la trasmissione NTSC, ha rivoluzionato l’esperienza televisiva, superando il precedente formato in bianco e nero.

La televisione a colori, basata sulla scansione delle componenti di colore fondamentali, ha aperto nuovi orizzonti nella trasmissione delle immagini in movimento. Grazie agli avanzamenti delle tecnologie elettroniche, il progressivo ridimensionamento dei componenti ha contribuito al successo di questa innovazione.

Sebbene il colore elettronico sia stato introdotto negli Stati Uniti nel 1953, l’adozione sul mercato è stata rallentata da prezzi elevati e dalla scarsità di programmazione a colori. La prima trasmissione a colori ha avuto luogo il 1 gennaio 1954. Il Westinghouse H840CK15 è stato disponibile al pubblico il 28 febbraio 1954, seguito da un modello più economico prodotto dalla RCA in aprile dello stesso anno.

In Italia, il televisore a colori ha fatto il suo ingresso solo nel febbraio del 1977. Nonostante avesse gli strumenti necessari fin dalla nascita del secondo canale nel 1961, l’Italia ha temporeggiato. Dopo varie sperimentazioni, la scelta dello standard tedesco è stata rinviata, ma alla fine adottata.

Questa rivoluzione televisiva è stata seguita dalla trasmissione a colori della prima serie, “Il Matrimonio”, trasmessa dalla NBC nell’estate del 1954. Mentre il resto del mondo si abituava alle meraviglie del colore, l’Italia, nonostante le prove tecniche, ha introdotto il televisore a colori con ritardo nel 1977, facendo seguito a una lunga fase di valutazioni tra gli standard europei SECAM e PAL.

, , , , , ,
Giovanni Currado

Giovanni Currado

Responsabile editoriale dell'agenzia Agr Srl. Giornalista e fotografo, autore di diversi reportage in Asia e Africa. Responsabile dello studio dell'immenso archivio fotografico Riccardi

Dalla Home