The Queen’s Hat: una nuova era per il Mito del Cappello

L’eleganza regale ha anticipato l’inizio della Milano Fashion Week grazie a “The Queen’s Hat”, la prima mostra internazionale di Hat...

foto di gruppo "The Queen's Hat"
foto Abraham Caprani

L’eleganza regale ha anticipato l’inizio della Milano Fashion Week grazie a “The Queen’s Hat”, la prima mostra internazionale di Hat Designer destinata a segnare un’epoca nel mondo della moda.

Ideata dalla mente visionaria di Gabriella Chiarappa, questa straordinaria esposizione di cappelli di alta moda ha affascinato e incantato il pubblico nel sontuoso Palazzo Visconti dal 16 al 18 febbraio 2024.

Patrocinato con orgoglio dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano, l’evento ha radunato dodici hat designers provenienti da tutto il mondo, creando un melting pot di stili e ispirazioni sotto la guida creativa di Gabriella Chiarappa e della sua organizzazione, Le Salon de le Mode Agency (Musikologiamo).

Il culmine dell’entusiasmo si è raggiunto nell’ultimo giorno della mostra, con oltre mille persone che hanno affollato l’evento, testimoniando l’impressionante impatto che la mostra ha avuto sul pubblico.

I momenti salienti includono il taglio del nastro inaugurale, presieduto da Michele Sebastiano Barca (dirigente dell’assessorato al turismo, Marketing e Moda della Regione Lombardia), e Emmanuel Conte (assessore al bilancio e patrimonio immobiliare del Comune di Milano).

Ad arricchire la manifestazione, delineando il contesto di eleganza e raffinatezza che ha caratterizzato l’intero evento, una tavola rotonda sull’artigianato del lusso con relatori/relatrici di prestigio, fra i quali/le quali Antonio De Matteis (presidente di Pitti Immagine e amministratore delegato del Gruppo Kiton), Patrizia Fabri (di Antica Manifattura Cappelli), Laura Marelli (ultima erede della storica modisteria Gallia e Peter) e Miguel García Abad (per l’Istituto Marangoni Firenze). Momenti di particolare interesse includono l’incontro sull’arte di indossare il cappello con Pablo Ardizzone, esperto d’immagine.

Il richiamo alla regalità della Regina Elisabetta II è stato palpabile durante tutta la mostra, culminando con la premiazione dei tre vincitori nelle categorie “The Queen’s Hat”, “Queen’s Elisabeth” e “The Queen’s Hat Innovation”.

Il prestigioso “The Queen’s Hat”, è stato assegnato a Maor Zabar di Israele, il cui cappello eccezionale ha conquistato la giuria per la sua eleganza senza pari.

Il premio “Queen’s Elisabeth” è stato consegnato a Elena Khovanskaya e Irina Vassilyeva di Masterkayairlen – Kazakistan -, incarnando lo stile distintivo della regina Elisabetta.

Infine, “The Queen’s Hat Innovation” è stato attribuito a Ilariusss di Ilaria Soncini per la sua creatività e innovazione.

Il momento culminante dell’evento è stato il cocktail party che ha celebrato i vincitori, aggiungendo un tocco di glamour e festa all’atmosfera regale della mostra. Il vincitore del contest ha avuto l’onore di ricevere un premio realizzato dall’azienda siciliana “Ceramicando”. «Con “The Queen’s Hat”, abbiamo non solo anticipato l’inizio della Milano Fashion Week celebrando il mito del cappello, ma inaugurato una nuova era, trasformando non solo l’oggetto stesso, ma anche il contesto e la percezione che lo circondano», ha dichiarato Gabriella Chiarappa.

, , , , , , , , ,
Madia Mauro

Madia Mauro

Esperta di Comunicazione, promuove eventi culturali e scrive di attualità, arte, fotografia, musica e spettacolo.  

Dalla Home