“Umano, Poco Umano”: affrontare l’IA con la forza della cultura e della filosofia

“Umano, Poco Umano. Esercizi spirituali contro l’Intelligenza Artificiale” propone una riflessione su come affrontare l’avanzata dell’IA nell’era contemporanea. Scritto da...

Umano poco umano - Intelligenza artificiale al maxxi
Foto Maurizio Riccardi © AGR

“Umano, Poco Umano. Esercizi spirituali contro l’Intelligenza Artificiale” propone una riflessione su come affrontare l’avanzata dell’IA nell’era contemporanea. Scritto da Mauro Crippa e il filosofo Giuseppe Girgenti, il libro suggerisce che la resistenza psicologica e culturale, supportata dai classici della filosofia, è essenziale per preservare la nostra umanità.

Durante la presentazione al Maxxi di Roma, Crippa e Girgenti hanno sottolineato che comprendere i danni potenziali dell’IA è cruciale. Sostengono che la preparazione culturale e psicologica, insieme alla conoscenza dei classici filosofici, ci renderà più forti e capaci di controllare l’IA.

Secondo i due autori, l’IA sta rapidamente diventando parte della nostra vita quotidiana, mettendo a rischio la nostra intelligenza naturale e la nostra identità. Tuttavia, questa non è la prima volta che l’umanità affronta il timore di perdere la propria umanità di fronte all’avanzamento tecnologico.

Antonio Spadaro, sottosegretario del Dicastero per la Cultura e l’Educazione, sottolinea che esperienze umane essenziali come la morte, la sessualità e il sacro sono irripetibili dall’IA. Veronica Gentili aggiunge che l’IA può essere vista anche come un’intelligenza aumentata, con l’uomo che detiene il controllo. Tuttavia, resta il dibattito su quanto sia possibile controllare l’IA.

In conclusione, il libro solleva interrogativi importanti sul futuro dell’IA e l’importanza di una riflessione approfondita su come guidare questo sviluppo tecnologico in modo responsabile e umano.

, , , ,
Maurizio Riccardi

Maurizio Riccardi

Fotografo, giornalista, direttore del Gruppo AGR, di cui fanno parte: l'agenzia fotografica AGR, il magazine online Agrpress.it, l'Archivio Riccardi, la sezione Audiovsivi / web e la sezione Comunicazione.Nasce a Roma nel 1960, si può dire nella camera oscura del padre, anche lui noto fotografo della "Dolce Vita". 

Dalla Home