Spiagge ecosostenibili: benvenuti nell’Era 4.0

Plastica riciclata, legno proveniente da foreste ecosostenibili, sistemi di aerazione a basso consumo, nebulizzatori automatici antiinsetti con prodotti naturali, arredi...

Spiagge ecosostenibili

Plastica riciclata, legno proveniente da foreste ecosostenibili, sistemi di aerazione a basso consumo, nebulizzatori automatici antiinsetti con prodotti naturali, arredi in canna e paglia, pavimentazioni da spiaggia in materiali compositi e plastica riciclata, controlli e certificazioni a tutela dell’ambiente e della sicurezza, pannelli solari termici e fotovoltaici. 

È la spiaggia sostenibile proposta alla fiera dell’ospitalità Tirreno CtBalnearia che ha chiuso venerdì 6 marzo 2024, nei padiglioni di CarraraFiere a Marina di Carrara (MS).

L’attenzione per la natura trova nelle spiagge l’ambiente ideale per crescere tanto che l’ecologia e la sostenibilità sono diventate le parole d’ordine per gli stabilimenti balneari. 

I rifiuti galleggianti sono un problema? In Toscana esiste una legge regionale che vieta l’utilizzo sulle spiagge di oggetti di plastica monouso: piatti, bicchieri, cannucce eccetera non possono più essere utilizzati se non completamente biodegradabili. Per quanto riguarda le bottiglie, sono sempre più adottate apparecchiature per purificare l’acqua degli acquedotti: dopo il filtraggio, viene distribuita acqua gradevole al gusto, sia liscia che frizzante, solitamente contenuta in borracce di alluminio.

Al bar volete il caffè? Chi usa quello in capsule ha a disposizione il prodotto realizzato in fibra di legno, che rende anche la miscela più cremosa e gradevole grazie alla naturale porosità della fibra.

I marciapiedi e passerelle degli stabilimenti balneari, anziché di cemento, possono essere realizzati in plastica riciclata o addirittura con compositi di fibra di legno e polimeri ad alta resistenza e quindi di lunga durata. 

In spiaggia c’è il problema delle zanzare? Difesa assicurata grazie ai diffusori automatici che utilizzano piretrine come repellenti, che strizzano l’occhio all’ambiente degradandosi alla luce del sole.

E poi largo a ombrelloni in canna africana e l’informatica, che aiuta l’ospitalità con software che vanno ben oltre il semplice gestionale della spiaggia sempre più 4.0.

, , ,
Roberta Maresci

Roberta Maresci

Giornalista, scrittrice e fairplaymanager. Considerata la “Greta Thunberg romana”, il verde è di casa nel suo Fair Play Garden - «FairPlayGarden: semina gioia, raccogli salute» -, il Giardino delle Buone Maniere che omaggia Shakespeare (patrocinio CNIFP e EFPM).

Dalla Home